HDS: 2016 tra convergenza, Terza Piattaforma e nuove architetture It

Applicazioni e analytic; Information technology al servizio dell’efficienza; responsabili It alla guida dell’innovazione.
Sono queste le tre macro-aree individuate da Hu Yoshida, Chief Technology Officer di Hitachi Data Systems, all’interno delle quali sono racchiusi i trend che interesseranno l’It nei prossimi dodici mesi.

Hu Yoshida
Hu Yoshida CTO Hitachi Data Systems

Dieci in tutto, partono dal presupposto, oramai condiviso, che la fase di disruption portata dalla Digital Transformation in corso condurrà a un cambiamento positivo, basato sulla capacità delle tecnologie digitali di creare un nuovo paradigma, un nuovo modo di pensare all’innovazione e al contributo che essa può dare, lato aziende, lato utenti finali.

Il ruolo dei Cio

Coinvolti per primi nel cambiamento, i CIO vedranno evolvere il proprio ruolo da esperto di soluzioni tecnologiche a figura chiave per ogni organizzazione chiamata a dare risposte efficaci per un business sempre più in real-time.
Da qui il suggerimento di Yoshida all’It di lasciarsi alle spalle i vecchi modelli di organizzazione per sviluppare competenze specialistiche in settori come il cloud e l’implementazione di nuove architetture e soluzioni di business integrate, collaborative e mobile.
Non senza accelerare lo sviluppo di nuove applicazioni con DevOps e integrare tradizionali data warehouse all’interno dei nuovi data lake.
Se la prima è, infatti, una metodologia di sviluppo del software che coinvolge sviluppatori ed esperti di procedure, che lavorano insieme durante tutto il ciclo di progettazione per garantire più elevate prestazioni dell’infrastruttura It, la seconda permette di massimizzare anche gli investimenti già fatti in precedenza con lo storage per l’analisi e la gestione di enormi quantità di dati provenienti da molteplici fonti e che portano in sé diverse tipologie di informazioni.
Infine, all’interno della prima macro-area indicata, il Chief Technology Officer di Hitachi Data Systems sottolinea la necessità per i responsabili del business di ogni azienda di guardare all’It per fare investimenti relativi alle piattaforme per gli analytics e all’acquisizione di un vantaggio competitivo basato sulla capacità di creare valore dai dati invertendo il trend rispetto allo shadow It per dotare ogni business unit delle proprie piattaforme e applicazioni per gli analytic e creando i propri specifici silos di dati.

L'era delle soluzioni convergenti

Partendo dal presupposto che, oggi, l’It ha una profonda comprensione delle sfide collegate a sicurezza, rispetto della privacy e integrazione, oltre che dei livelli di servizio richiesti alle piattaforme di elaborazione delle informazioni a sostegno del business, nei prossimi dodici mesi si aprirà l’era delle soluzioni convergenti.
Secondo Yoshida, al posto di architetture per sviluppare soluzioni in grado di divenire best practise, i vendor proporranno direttamente modelli e template di riferimento frutto dello sviluppo di piattaforme più evolute, progettate per garantire una maggiore efficienza dei costi, un risparmio dei tempi e una gestione delle risorse It più coerente.

Mano a mano che le organizzazioni comprenderanno e sfrutteranno l’evidente vantaggio competitivo di avere reporting e analisi disponibili in tempri sempre più veloci, in un ambiente di business che richiede una capacità di reazione in real-time, il passaggio a database in-memory sarà sempre più veloce e convinto, mentre la disponibilità di dispositivi flash multi-terabyte consentirà di sostituire i dischi ad alte performance migliorando i tempi di risposta e riducendo i costi di gestione dello storage.

Attenzione alla scelta dei fornitori

Infine, se l’It non svolgerà un ruolo di guida in questo processo di trasformazione, il risultato si tradurrà in silos di informazioni e duplicazioni di processi che inibiranno la crescita del business.
Da qui, secondo Yoshida, l’esigenza di migliorare la scelta dei fornitori, selezionando i giusti servizi cloud perché offrano la risposta più corretta alle specifiche esigenze di business, facendo un uso migliore degli integratori per connettere i servizi cloud all’infrastruttura It esistente e considerando il potenziale del cloud rispetto alla capacità di migliorare la produttività operativa e l’efficienza delle persone.

Anche Hitach Data Systems parla di Iot e terza piattaforma

Non da ultimo, nel lungo periodo, le aziende dovranno integrare l’It con tecnologie di gestione delle operation e proporre soluzioni per l’Internet of Thing in aree in grado, innanzitutto, di migliorare la vita.

Il vero valore dell’It, conclude il CIO di Hitachi Data Systems, consiste, infatti, nella sua capacità di abilitare la trasformazione imposta dalla crescita di social, mobile, analytic e cloud, insieme identificata come Terza Piattaforma, per rispondere alle esigenze di business in termini di sicurezza, protezione dei dati, disponibilità, collaborazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome