Il Direttore Corporate Ict Marco Bariselli ci spiega cosa significa il termine per una grande impresa B2B che ha approdi sul retail.

Marco Bariselli, Direttore Corporate ICT di Gruppo Maccaferri è responsabile delle informazioni di otto business unit (sette più la holding Seci) che rappresentano variegati settori di attività: ingegneria ambientale e meccanica, real estate e costruzioni, energia, alimentare e agroindustria, tabacco e biotecnologie.

Un contesto in cui si è portati a pensare che i dati, differenti per natura, qualità e intensità, siano ingenti.

Ma sono da considerarsi Big data? E soprattutto, che visione ha del fenomeno Bariselli?

«La differenza morfologica delle varie aziende incide, ma non siamo una holding finanziaria: abbiamo il pieno controllo delle attività industriali - ci ha detto Bariselli - . Gli azionisti sono abituati ad affidare la gestione ai manager, come si confà a un gruppo industriale nel senso vero del termine.
La sfida da vincere, semmai, è quella portare la giusta sintesi informativa a tutte le istanze
».

Quanto ai Big data veri e propri, «noi operiamo su mercati industriali - ha detto Bariselli -. Le relazioni sono sì ampie, ma non enormi. I volumi di dati sono quindi quelli di un'azienda B2B.
In questo contesto, ci serve fare analisi dei dati e correlarli con le attività di vendita, specie nelle business unit che approdano più direttamente al retail, come quelle alimentare e del tabacco
».

Per farlo, serve avere gli strumenti giusti a dare le informazioni che richiede il business, come i sistemi storage Ibm Storwize e il software Cognos.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome