Home Cloud Google Cloud vara i nuovi servizi per la gestione unificata dei dati

Google Cloud vara i nuovi servizi per la gestione unificata dei dati

Durante il Data Cloud Summit, Google ha annunciato tre nuove soluzioni nel portafoglio di database e analisi dei dati per fornire alle organizzazioni una piattaforma dati unificata.

Con la disponibilità in anteprima di Dataplex, Analytics Hub e Datastream, le aziende possono liberarsi dai silos di dati per prevedere in modo sicuro i risultati aziendali, responsabilizzare gli utenti e prendere decisioni informate e in tempo reale.

Sfruttando la piattaforma dati di Google Cloud gli utenti avranno ora un approccio completo al loro cloud di dati che abbraccia l‘intero ciclo di vita dei dati, dai sistemi che gestiscono la loro attività agli strumenti di intelligenza artificiale e machine learning che prevedono e automatizzano il loro futuro.

 

Google Cloud, ecco Datastream

Fornire ai clienti la replica dei dati in tempo reale: disponibile in anteprima, Datastream è un nuovo CDC (Change Data Capture) senza server e un servizio di replica. Datastream  consente ai clienti di replicare flussi di dati in tempo reale, dai database Oracle e MySQL, ai servizi Google Cloud come BigQuery, Cloud SQL, Google Cloud Storage e Cloud Spanner.

Questa soluzione consente alle aziende di alimentare analisi in tempo reale, replica di database e architetture basate su eventi. Per i primi clienti Schnuck Markets, Inc.,  Datastream ha  semplificato la propria architettura ed eliminato le ore di ritardo per la replica dei dati Oracle in BigQuery e Cloud SQL.

Analytics Hub Diagram

Analytics Hub, l’analisi dei dati sicura e in real time

Rendere la condivisione dei dati sicura esemplice: anteprima in arrivo, Analytics Hub è una nuova funzionalità che consentirà alle aziende di creare, curare e gestire gli scambi di analisi in modo sicuro e in tempo reale.

Con Analytics Hub, i clienti possono condividere dati e approfondimenti, inclusi dashboard dinamici e modelli di machine learning in modo sicuro all’interno e all’esterno della propria organizzazione.

Analytics Hub consente alle organizzazioni di combinare set di dati aziendali con dati google, commerciali, industriali e pubblici unici. Analytics Hub si basa sulle funzionalità di condivisione esistenti e popolari di BigQuery, che hanno già visto migliaia di organizzazioni innovare con l’analisi e accelerare il loro percorso verso le intuizioni condividendo molto più dei soli dati. Ulteriori informazioni sulle funzionalità tecniche di Analytics Hub sono qui.

Dataplex

La terza novità: Dataplex

Aiutare le organizzazioni a semplificare la gestione dei dati: disponibile in anteprima, Dataplex è un tessuto di dati intelligente che offre un’esperienza di analisi integrata, che riunisce il meglio di Google Cloud e dell’open source, per consentire di curare, proteggere, integrare e analizzare rapidamente i propri dati su larga scala.

La qualità automatizzata dei dati consente a data scientist e analisti di affrontare la coerenza dei dati tra gli strumenti di loro scelta, di unificare e gestire i dati senza spostarli o duplicarli.

Con l’Intelligenza Artificiale e Machine Learning di Google, le organizzazioni trascorrono meno tempo a lottare con complessità infrastrutturali e più tempo a utilizzare i dati per fornire risultati aziendali.

Gli aggiornamenti nel portafoglio di database e analisi di Google Cloud

Sulla base del suo impegno strategico per il multicloud, Google Cloud introdurrà anche BigQuery Omni per Microsoft Azure (anteprima) e Looker per Microsoft Azure per aiutare i clienti a ottenere informazioni critiche sui dati in qualsiasi ambiente cloud.

BigQuery ML Anomaly Detection è ora disponibile per i clienti per rilevare più facilmente modelli di dati anomali utilizzando le funzionalità di machine learning integrate di BigQuery. I clienti utilizzano la tecnologia per una varietà di casi d’uso del settore, tra cui il rilevamento delle frodi bancarie e l’analisi dei difetti di produzione.

Dataflow offre ai clienti una soluzione rapida ed economica per l’analisi dello streaming. Disponibile nel terzo trimestre, Dataflow Prime fornirà un supporto avanzato per il ridimensionamento automatico e il giusto adattamento per le pipeline di dati, fornendo il minor costo TCO per i clienti.

Dataflow Prime incorporerà le funzionalità di intelligenza artificiale e ML per fornire ai clienti previsioni di streaming come l’analisi delle serie temporali, la diagnostica intelligente che identifica in modo proattivo i colli di bottiglia e l’ottimizzazione automatica.

L’azienda ridurrà anche la barriera di ingresso per Cloud Spanner, il suo database relazionale completamente gestito, riducendo il prezzo di ingresso del 90% con l’introduzione del dimensionamento granulare delle istanze (in arrivo), fornendo allo stesso tempo la stessa scala illimitata e la stessa disponibilità del 99,999% per supportare le applicazioni più esigenti.

Inoltre, la  federazione BigQuery a Spanner è in arrivo, il che consente agli utenti BigQuery di interrogare i dati transazionali residenti in Spanner, per informazioni dettagliate più ricche e in tempo reale. Spanner aggiunge anche  Key Visualizer, disponibile ora in anteprima, per fornire un monitoraggio  interattivo  e consentire agli sviluppatori di identificare rapidamente i modelli di utilizzo.

Infine, Cloud Bigtable introduce la migliore disponibilità della categoria con un nuovo contratto di servizio del 99,999%.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php