Home Cloud Google Cloud: nuove istanze C2D per carichi di lavoro ad alte prestazioni

Google Cloud: nuove istanze C2D per carichi di lavoro ad alte prestazioni

Google Cloud ha annunciato la disponibilità generale della serie più recente di istanze nella famiglia Compute Optimized, C2D, potenziata da processori Amd Epyc di terza generazione.

Le istanze C2D – ha sottolineato Google Cloud – sfruttano i progressi apportati nell’architettura del processore delle Cpu Amd Epyc di ultima generazione, tra cui il core Zen 3.

I tipi di macchine C2D supportano Persistent Disks, Advanced Networking, Compact Placement Policies e presto anche i nodi Sole Tenant.

Le istanze sono configurabili con un massimo di 112 vCPU (56 core), 896 GB di memoria e 3 TB di SSD locale.

L’opzione C2D – ha inoltre informato Google Cloud – è disponibile nelle versioni standard, high-cpu e high-mem, ciascuna con sette tipi di macchine per un rapporto memoria-core ottimale. Ciò consente di allinearle al meglio con il carico di lavoro del cliente.

Google Cloud

La famiglia di VM Compute Optimized è ideale per i clienti con carichi di lavoro ad alte prestazioni.

Le istanze C2D forniscono le VM dalle dimensioni più grandi all’interno della famiglia Compute Optimized VM, e sono più adatte ai carichi di lavoro legati alla memoria come i database ad alte prestazioni, i giochi e i workload HPC (high-performance computing).

Le istanze C2D high-cpu e standard servono i carichi di lavoro esistenti ad alta intensità di calcolo, tra cui i server web ad alte prestazioni, la transcodifica multimediale e i giochi AAA.

Google Cloud

Le configurazioni high-mem di macchine C2D sono adatte a carichi di lavoro come l’HPC e l’EDA (electronic design automation), che richiedono configurazioni di memoria più elevate.

Il team di Google Cloud ha collaborato con gli ingegneri di Amd per eseguire il benchmark di alcune applicazioni chiave nel settore HPC.

Secondo Big G, i miglioramenti della famiglia Compute Optimized sono chiari quando C2D viene confrontato direttamente con la precedente generazione di processori Epyc di Amd, in particolare la configurazione di macchina n2d-standard-128, più vicina alle 112 vCPU di C2D.

Google Cloud

Rispetto alle prestazioni di base della VM N2D – ha messo in evidenza Google Cloud –, i miglioramenti del processore Epyc di terza generazione di C2D, tra cui dimensioni della cache L3 più elevate per core e l’esposizione NUMA completa, comportano un vantaggio diretto nelle prestazioni della memoria.

Questo vantaggio è stato empiricamente osservato da Google Cloud nel 30% di miglioramento dei risultati del benchmark STREAM Triad.

I miglioramenti in virgola mobile di C2D possono essere visti anche nell’aumento delle prestazioni del 7% nei risultati HPL, nonostante sia stato eseguito con il 12,5% in meno di core rispetto alla precedente generazione di processori Epyc.

Guardando ai benchmark applicativi in alcune aree chiave di interesse nell’HPC, Google Cloud sottolinea come le VM C2D forniscano incrementi nei benchmark rappresentativi in aree come le previsioni del tempo (WRF CONUS 2.5km), la dinamica molecolare (NAMD), e la CFD, fluidodinamica computazionale (OpenFOAM).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php