Home Soluzioni Gaming Perché il gaming è buon ambasciatore di blockchain

Perché il gaming è buon ambasciatore di blockchain

Il 2017 è stato sicuramente un buon anno per blockchain, che si è fatta conoscere grazie al successo delle criptovalute.

Le applicazioni in altri ambiti sono sempre più numerose anche se siamo ancora nella fase iniziale e non si vedono riflessi nella vita quotidiana.

Una delle applicazioni che potrebbe coinvolgere un grande numero di persone è quella che riguarda il il gaming.

Alcune startup stanno infatti utilizzando token cripto e lanciando una serie di servizi video game basati su tecnologia blockchain.

I giocatori sono probabilmente un grande pubblico target per applicazioni blochkain come criptocurrency. Sono abituati ai pagamenti online e alla negoziazione di prodotti fungibili che esistono solo all’interno di un ecosistema digitale.

E conoscono anche le valute virtuali. Giochi online e negozi di giochi come Steam spesso hanno i loro portafogli digitali che contengono credito acquistato con monete virtuali.

Per non parlare di chi si diletta dell’acquisto e allevamento di simpatici gattini che sono poi dei cartoni animati da acquistare con Ethereum.

Startup, gaming e blockchain

Bountie è una startup con sede a Singapore che sta progettando una piattaforma di gioco online in cui i giocatori saranno ricompensati con criptocurrency per il tempo che passano a giocare e partecipano alla comunità. Possono quindi utilizzare le monete Bountie per acquistare nuovi giochi e merci o comprare in tornei online.

Oltre ad abilitare i pagamenti, i record di blockchain potrebbero aiutare i giocatori a creare un profilo delle loro conquiste all’interno del gioco, formando un curriculum utile per quando si partecipa ai tornei o ci si unisce alle squadre di esports.

Game Tester è invece una società australiana che ha in programma di fornire agli sviluppatori di piccoli giochi una piattaforma in cui le persone possono giocare e offrire feedback. I giocatori vengono pagati per i loro sforzi in GTCoin, il gettone della società. Possono quindi utilizzare le monete per acquistare più giochi, contenuti di gioco, o hardware di gioco, utilizzando blockchain per registrare e catalogare i contributi.

Game Tester sta attualmente lavorando su accordi con i fornitori e produttori. L’idea è che un utente possa acquistare, ad esempio, un computer portatile da gioco con GTCoins. Il fornitore di computer portatili avrebbe poi vendere i GTCoins di nuovo a Game Tester in cambio di valuta normale, a meno che non scelga di tenere i gettoni.

Altre applicazioni includono Playkey, società russa che offre un servizio di gioco in streaming tramite abbonamento. Gli abbonati possono giocare a qualsiasi gioco ad alta intensità di risorse senza bisogno di un hardware costoso. Sono i server dell’ azienda a sostenere il carico. Alla fine si spera di utilizzare blockchain per decentralizzare il processo.

Anche le grandi compagnie di giochi e gli editori stanno esplorando il mercato. Lo studio di sviluppo e pubblicazione Crytek ha annunciato alla fine dello scorso anno che avrebbe lanciato Crycash, un gettone per premiare le persone che giocano a Warface. Il piano prevede che i giocatori utilizzino Crycash in altri giochi o transazioni legate al gioco.

Blockchain scelta migliore

Ma perché blockchain può essere la scelta migliore? Perché permette alle società di evitare Visa, Mastercard o le banche per trasferire denaro, permette i micropagamenti e rende i tuoi margini molto più interessanti. Lo stesso vale per gli sviluppatori di giochi.

Con blockchain è possibile introdurre un metodo senza attrito per pagare gli articoli di gioco e trasferire l’85% del valore allo sviluppatore contro il 70% di oggi. Diversi negozi di giochi online come Steam prendono il 30% per cento dalle vendite di gioco sulle loro piattaforme.

Poi c’è tutto il problema relativo alla sicurezza. Steam, che è una delle piattaforme di gioco per pc più popolari al mondo con circa 67 milioni di utenti attivi mensili, è un grande target per gli hacker. Gli account utente compromessi, le chiavi di gioco rubate e altri attacchi sono un mal di testa costante per la società.

L’utilizzo della tecnologia blockchain per alimentare i propri prodotti consente inoltre alle startup di offrire servizi aggiuntivi ai propri clienti e partner ai propri clienti e partner. Per esempio, i piani di Bountie includono un’Api che permetterebbe a uno studio di integrare un componente multiplayer e torneo nel loro gioco senza doverlo costruire da solo.

E piattaforma di Game Tester può servire come strumento di marketing per gli sviluppatori di piccoli giochi che non hanno un grande budget per tale ricerca. In questo modo, uno sviluppatore potrebbe vedere dove il loro gioco è più popolare, capire che tipo di promozioni proporre, eventi e altre iniziative.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php