Dopo la deframmentazione rimangono file non contigui

Ho notato che dopo avere eseguito la deframmentazione con Diskeeper rimangono 10 frammenti di file che cito testualmente: fragments 2- file size 959 MB- most fragmented files \hiberfil.sys; fragments 8 – file size 1.858 KB – most fragmented file …

Ho notato che dopo avere eseguito la deframmentazione con Diskeeper rimangono
10 frammenti di file che cito testualmente: fragments 2- file size 959 MB- most
fragmented files \hiberfil.sys; fragments 8 - file size 1.858 KB - most fragmented
file \WINDOWS\$NtUnistallKB885835$\ntoskrnl.exe. Vorrei sapere se questo messaggio
è corretto.

Si tratta di file che sono sotto il controllo del sistema operativo il quale
impedisce a qualsiasi altro programma di intervenirvi sopra o modificarli perché
il sistema potrebbe diventare instabile.

Il file Hiberfil.sys è il file in cui Windows XP salva
il contenuto della memoria prima dello spegnimento quando il computer viene
messo in ibernazione, una delle modalità di risparmio energetico. Quando
si riaccende il PC la procedura di avvio cerca il file, ne legge il contenuto
e lo ricarica in memoria scavalcando la normale sequenza di avvio. Il computer
ritorna nella stessa identica condizione in cui era quando è stato spento.

Un trucco per ridurre la deframmentazione è disabilitare temporaneamente
la sospensione e ripristinarla dopo che il disco è stato deframmentato.
Cliccate su Start, Pannello di controllo, Opzioni risparmio energia,
Sospensione
, disabilitate Attiva sospensione, quindi
fate clic su Applica e OK. Riavviate il computer,
eseguite la deframmentazione e poi riabilitate la sospensione.

Sul file ntoskrnl.exe è invece impossibile un qualsiasi
intervento in quanto si tratta di un componente principale per il funzionamento
del sistema operativo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here