Home Hardware Datacenter Datacenter, nasce OpenCAPI come alternativa a Intel

Datacenter, nasce OpenCAPI come alternativa a Intel

Ci si sono messi in nove: capofila Ibm e Google, accompagnati da Advanced Micro Devices, Dell EMC, Hewlett Packard Enterprise, Mellanox Technologies, Micron Technology, NVIDIA e Xilinx  hanno dato vita al Consorzio OpenCAPI che promette sviluppare nuove specifiche che potrebbero migliorare le performance dei datacenter fino a 10 volte quelle attuali.
Specifiche, come suggerisce il nome, basate su standard aperti.

OpenCAPI significa Open Coherent Accelerator Processor Interface e promette di lavorare su una interfaccia a banda larga ma bassa latenza e indirizzare le necessità e i bisogni espressi in ambito big data, machine learning, analytics.
OpenCapi offre un approccio datacentrico alla progettazione dei server e punta a una maggiore integrazione di tecnologie come memorie, acceleratori, networking e storage.

Le specifiche dovrebbero essere rilasciate già entro la fine dell’anno, mentre i server e tutti i prodotti correlate aderenti al nuovo standard dovrebbero essere disponibili nella seconda metà del prossimo anno.

L’assenza di Intel dalle fila del nuovo consorzio – cosa che del resto la società ha già fatto in altre occasioni – è indicative della volontà della Casa di Santa Clara di mantenere il controllo sulle proprie tecnologie. Ed è dunque comprensibile che la nuova alleanza venga letta proprio in chiave di alternativa all’egemonia Intel sul segmento datacenter.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php