Da Emc nuovi percorsi di certificazione per virtualizzazione e cloud

I due nuovi programmi Proven Professional Cloud Architect e Data Center Architect, offrono formazione e certificazioni applicabili a tecnologie a ambienti eterogenei.

Emc ha sviluppato due nuovi programmi di training e certificazione con l'obiettivo di approfondire le tematiche inerenti virtualizzazione, infrastruttura convergente e cloud computing.

I due programmi, Proven Professional Cloud Architect e Data Center Architect, si basano su un curriculum aperto, offrono formazione e certificazioni su concetti e principi fondamentali per svariate tecnologie e sono applicabili ad ambienti e tecnologie eterogenei.

In particolare, la nuova certificazione Cloud Architect (Emcca) Virtualized Infrastructure offre a progettisti e consulenti la conoscenza e le capacità necessarie per far convergere e gestire ambienti server, storage e di rete critici per realizzare data center virtuali e infrastrutture cloud.

Cloud Architect (EMcca) IT-as-a-service è invece una certificazione expert-level per cloud architect, progettisti e consulenti che dispongono già della certificazione Emcca Virtualized Infrastructure. Questo programma aiuta i professionisti It a far evolvere le infrastrutture virtuali in ambienti IT-as-a-service basati su cloud.

La certificazione Data Center Architect (Emcdca) permette invece ai professionisti It di implementare le tecnologie di base dell'infrastruttura informativa che comprendono il data center sia virtuale sia tradizionale. Chi ottiene questa certificazione può specializzarsi in Storage Networking, Information Availability, Information Storage Security e Storage Service Management (basate su best practice Itil). Anche la virtualizzazione costituisce un componente chiave del training Emcdca.

La formazione e certificazione Dca Storage and Information Availability è già disponibile, mentre la Dca Information Storage Security and Storage Service Management e la Ca Virtualized Infrastructure and IT-as-a-service saranno disponibili nella prima metà del 2011.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here