Colt+Italsel: alleanza nel segno di Ceano

Prende forma e concretezza l’accordo di collaborazione raggiunto tra Colt e il distributore bolognese. Target: le aziende di medie dimensioni.

È una alleanza nel segno del cloud quella che da pochi mesi lega Colt e Italsel.
Una alleanza che nasce dalle specifiche competenze e mission delle due aziende e che getta le basi per importanti evoluzioni future.
Spiega Davide Suppia, Direttore della divisione Ccs in Colt: ”La mission di Colt è cambiata. Da Colt Telecomunicazioni siamo diventati Colt Technologies e da società orientata alle Tlc abbiamo finito per integrare anche una parte importante dedicata all’Ict seguendo non l’utenza residenziale ma dall’Smb di fascia alta in su”.

Al centro di questa nuova missione di Colt, che in Italia opera con due sedi a Milano e Roma e che conta su una ventina di altre sedi in tutta Europa, è l’acquisizione di ThinkGrid, avvenuta nel 2012, e in particolare della piattaforma di servizi convergenti Ceano, indirizzata per l’appunto al mercato delle medie imprese e pensata per essere portata sul mercato attraverso una rete di partner di canale.
”Colt ha un proprio canale commerciale, sia in ambito wholesale, sia in ambito agenzie, sia ancora tramite accordi con altri operatori. Per quanto riguarda Ceano, però, la strada scelta è quella della distribuzione, con un partner le cui strategie e il cui modello di go to market ben si sposano con le nostre e che soprattutto abbia un focus specifico sulla formazione e sulla certificazione degli operatori di canale: Italsel.

Il punto di partenza per Colt è chiaro: non bisogna dare per scontato il fatto che il cliente destinatario delle soluzioni previste da Ceano abbia al suo interno le competenze necessarie per fruirne: è molto più probabile che l’azienda si rivolga a un partner di canale, rivenditore, var o system integrator.
”Per questo abbiamo deciso di adottare una strategia di canale e di copertura territoriale, arrivando alla decisione di affidarci a un distributore come Italsel, con 20 anni di esperienza sul mercato e una specializzazione su soluzioni a valore aggiunto e soprattutto una rete di 3500 partner gestiti su tutto territorio”.

L’arrivo di Ceano nel portafoglio di offerta di Italsel è complementare alla strategia che un anno fa aveva portato alla nascita della business unit Shareprise.
”Al momento del lancio avevamo pensato a una piattaforma attraverso la quale proporre alcune tecnologie selezionate, dal backup alla data security fino all’antivirus in cloud - spiega Pierangelo Rossi, amministratore delegato della società - . Ci eravamo concentrati su vendor che avessero una competenza comprovata sul cloud, come ad esempio Acronis”.
Ed è stato quando la piattaforma si è definita che Italsel ha incontrato Colt.
In questo caso, Suppia e Rossi parlano di una identità di vedute: Ceano è una raccolta di servizi, pensata con una approccio all’avanguardia: affidarsi ai player più importanti, Microsoft in primis, riunendoli in un’unica piattaforma”, spiega Suppia, mentre Rossi precisa: ”Non abbiamo abbandonato Shareprice, ma Ceano rappresenta la piattaforma d’elezione per alcuni tipi di soluzioni e servizi: il nostro ruolo, oltre a quello della distribuzione, è garantire supporto al canale, nelle fasi di prevendita, di certificazione, di post vendita”.

La collaborazione, annunciata nel corso dell’autunno, si è concretizzata con l’inizio di quest’anno e con l’avvio dei percorsi di certificazione: ”In meno di due mesi - racconta Rossi – sono stati erogati percorsi formativi a oltre 50 partner, un numero significativo nel nostro settore, e a maggior ragione se si considera che ogni corso ha una durata di 4 ore e che per completare il percorso di certificazione è necessario seguire tre corsi”.
Rossi sottolinea che, quand’anche gratuito, il percorso di certificazione richiede al partner un investimento di 12 ore del suo tempo.
Da parte sua, Colt ha messo a disposizione dei rivenditori risorse interne per seguire trattative particolari, ad esempio per supportare quelle offerte che prevedono non solo la componente Ict, ma anche infrastruttura e connettività.

Concretamente, spiegano di nuovo Suppia e Rossi, Ceano deve essere considerata una information delivery platform che copre le esigenze di software di base di una azienda medio grande, con un tempo di startup praticamente immediato.
Ceano viene ospitata nei datacenter di Colt, in particolare in quelli di Milano, e poi in Svizzera, Germania, Francia, Spagna e Regno Unito.
”L’infrastruttura è la stessa in tutti i Paesi - precisano in Colt - ma l’allocazione è stata studiata per garantire che i dati siano ospitati nel Paese di residenza dell’utente”.

Attraverso Ceano vengono erogati servizi hdv (hosted virtual desktop), posta elettronica Microsoft Exchange e Lync, filesharing e collaboration, con SharePoint e Sooner, infrastruttura as a service, con harware Cisco, storage Emc, virtualizzazione VmWare, backup e disaster recovery.

”Non si tratta di vere e proprie novità - conclude Suppia - . La novità sta nel fatto di poter proporre attraverso un’unica piattaforma applicativa tutti i servizi, con un unico fornitore, garantendo la medesima qualità, il medesimo supporto, facilitando la capacità progettuale”.
Soprattutto, deve essere considerato come un inizio: trattandosi di una piattaforma, il catalogo non potrà che crescere.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome