Home Digitale Colt: una rete digitale per l'architettura IT aziendale nel 2022

Colt: una rete digitale per l’architettura IT aziendale nel 2022

L’intervista a Carlo Azzola di Colt Italia.

A distanza di un anno dal varo a livello europeo del recovery plan, che in Italia ha portato al PNRR, 01net realizza un’inchiesta, basata su un ciclo di interviste con le principali società che operano in Italia nell’ICT sulla loro strategia per la digitalizzazione delle aziende italiane nel 2022.
Parliamo con loro di quattro temi cardine della trasformazione digitale: resilienza, cybersecurity, cloud, sostenibilità ambientale e sociale e le risposte consentono di costruire la mappa di partecipazione delle realtà ICT alla crescita del Paese in senso digitale.
E c’è un tema in più, il quinto: con spirito consulenziale, chiediamo di fornire agli imprenditori italiani un’idea in più, capace di produrre valore immediato sul piano dell’efficienza e della competitività.

Per Colt Italia ci ha risposto il country manager, Carlo Azzola.

Un anno dopo il Recovery Plan, a che punto siamo con la reale trasformazione del Paese: con quali soluzioni, competenze e servizi partecipate alle missioni del PNRR che coinvolgono il digitale?

Oggi l’Europa e l’Italia devono affrontare una nuova ondata epidemica, che ha portato ulteriori costi economici e sociali che l’amministrazione italiana ha affrontato e sta ancora affrontando. La prima sfida riguarda la necessità di digitalizzazione delle imprese italiane e credo sia importante ricordare che il grande mercato italiano delle telecomunicazioni ha beneficiato di progressivi programmi governativi volti a sviluppare il settore della banda larga in fibra. Nel complesso, sono stati fatti progressi sostanziali in termini di trasformazione digitale a livello nazionale.

Le infrastrutture digitali e le imprese italiane sono significativamente frammentate e soffrono di un forte ritardo tecnologico. La maggior parte dei data center distribuiti sul territorio italiano necessita di sicurezza, affidabilità, capacità di elaborazione ed efficienza per rispondere adeguatamente alle esigenze.

Il nostro primo ministro Mario Draghi ha abbandonato un progetto sostenuto dal suo predecessore per creare un’unica rete nazionale in fibra controllata da Telecom Italia SpA, nel tentativo di aumentare la concorrenza tra i vettori e impiegare una serie più ampia di tecnologie, tra cui i servizi 5G.

Il progetto del governo per migliorare i servizi digitali del paese sarà strutturato intorno a gare d’appalto competitive in più aree e sarà progettato per concedere l’accesso a terzi all’ingrosso.

L’Italia sta aumentando la spesa per la banda larga mentre il piano per la rete unica vacilla. Il nostro paese prevede di spendere quasi 7 miliardi di euro di fondi europei per la ripresa in infrastrutture a banda larga, con un aumento del 60% rispetto all’obiettivo precedente. Il raggiungimento degli obiettivi di crescita digitale è anche un prerequisito per l’attuazione dei progetti nell’ambito della Recovery and Resilience Facility. Colt Technology Services sta consolidando la sua presenza in Italia.

Stiamo infatti collegando un numero significativo di città e centri dati nel paese. Questo è un investimento significativo per Colt e dimostra il nostro impegno nel mercato italiano. In Italia, abbiamo costruito una rete significativa di oltre 3.000 chilometri di fibra LDN e metropolitane, e 4 MAN (Milano, Roma, Genova e Torino) che collega oltre 3.107 edifici e 55 data centre. Continuiamo a favorire l’accesso diretto al cloud con i provider e i partner con cui stiamo lavorando. Cercheremo di capire dove i nostri clienti hanno bisogno di noi e come possiamo fornire loro servizi più estesi in Italia.

Il 2021 è stato l’anno in cui il tema della cybersecurity è atterrato in tutte le imprese. Quali prospettive concrete vi siete dati per il 2022?

Mentre ci avviciniamo alla fine del 2021, la cybersecurity rimane una questione critica non solo in Italia, ma nel mondo. Pensiamo che la minaccia più rilevante per la cybersecurity nel 2022 sia il ransomware. Nel 2020 questo tipo di attacchi sono aumentati del 600%, in parte a causa della pandemia COVID-19. Nonostante questa notevole crescita, nei primi sei mesi del 2021, gli attacchi ransomware sono cresciuti ancora del 151%. Una delle sfide che la cybersecurity dovrà affrontare nel 2022 è la violazione dei dati. Gli hacker spesso prendono di mira i dati quando violano un sistema o un database.

La pandemia ha sicuramente portato Colt a ripensare la strategia e le aree di interesse per gli anni a venire. Comprendere le sfide della cybersecurity per le aziende nei prossimi anni può aiutare ad adeguare le strategie di sicurezza per affrontare con successo questi problemi.

I rischi di cybersecurity per le aziende continueranno ad essere una sfida enorme nel 2022. Mentre una combinazione di sviluppi tecnologici e fattori esterni cambia il modo in cui le aziende operano, il nuovo status quo delle operazioni solleverà domande sullo stato delle infrastrutture di sicurezza e sulle sfide che le aziende dovranno affrontare in futuro. Questo è il motivo per cui offriamo un portafoglio di servizi per monitorare e proteggere le reti dei clienti dalle minacce informatiche e gestire il rischio.

Poiché una sicurezza efficace si basa su più livelli di difesa sia sul perimetro della rete che sul core e lungo il percorso della rete, Colt fornisce un servizio olistico con protezione in vari punti di contatto della vulnerabilità. Forniamo una connettività sicura onnicomprensiva, attraverso una gamma di prodotti: Firewalls, Secure Network Gateways, DDoS Protection e Network Encryption. Poiché le aziende adottano la tecnologia IoT e l’AI nel 2022, dovranno investire in meccanismi di cybersecurity che proteggano i propri dati, il nostro team di esperti può aiutarvi a impostare reti di infrastrutture di cybersecurity sicure che mantengano i dati delle aziende al sicuro da violazioni informatiche, rispettando al contempo i requisiti normativi.

Ci concentreremo sul nucleo del nostro business. Quello che facciamo è costruire reti e le costruiamo molto bene. Investiremo ulteriormente nell’automazione, e questo sarà con SDN, e anche con l’integrazione e le interconnessioni con i nostri partner, sia che si tratti di un fornitore di software-as-a-service, un fornitore di cloud, un fornitore di contenuti globale, anche con i system integrator.

Se riusciremo a trovare il modo di permettere un’esperienza del cliente semplice e senza intoppi per l’impresa, che continuerà ad essere il nostro obiettivo, forniremo le capacità di prossima generazione sulla connettività cloud, le capacità di reporting, per esempio, o continueremo a investire in applicazioni di virtualizzazione delle funzioni di rete mentre portiamo avanti i nostri progetti.

Componente fondamentale della trasformazione digitale è il cloud. Quali sono le scelte che dovranno compiere le aziende italiane nel 2022?

L’Italia, come il resto del mondo, ha affrontato il grave impatto della pandemia COVID-19. La pandemia ha segnato un momento di svolta per il cambiamento digitale. Le aziende, nel 2020, chiedevano a gran voce di fornire un servizio digitale ai clienti; tuttavia, d’ora in poi, le aziende e i fornitori di servizi si concentreranno sul favorire la crescita attraverso i canali digitali per annullare le ripercussioni negative della pressione finanziaria che non avevano previsto. Non hanno altra scelta che costruire nuove operazioni digitalmente abilitate – dove la tecnologia si mette al servizio delle persone, dei loro bisogni e dei comportamenti spesso appena acquisiti. La metodologia del lavoro cambierà drasticamente in futuro.

In primo luogo, penso che la maggior parte delle aziende abbia iniziato a spostarsi verso il cloud, ma questo sarà sicuramente accelerato in futuro, perché ciò che hanno notato è che il loro ambiente on-prem non è più adatto agli obiettivi, e che hanno bisogno di un tipo di ambiente di lavoro più agile per andare avanti. Stiamo assistendo a un’accelerazione per quanto riguarda le migrazioni nel cloud e la volontà di spostare i carichi di lavoro critici nel cloud.

Durante questa pandemia, ciò che stiamo effettivamente osservando è che le capacità on-demand, le capacità simili al cloud che forniamo con il nostro servizio SDN saranno fondamentali per questo successo mentre continuano ad avanzare. Non sanno avranno ancora edifici alti e lucenti nel mezzo delle città metropolitane, o se gran parte della loro forza lavoro resterà in remote working. Continueremo senza dubbio a investire in SDN. Siamo stati in grado di aiutare le imprese a trasformare il loro modo di lavorare durante la pandemia.

Dopo il Cop26 si è capito che la sostenibilità, sia ambientale sia sociale, oramai riguarda non solo tutti i Paesi ma anche tutte le aziende. Qual è la vostra strategia riguardo questi temi?

La consapevolezza ambientale per noi è al centro di tutto ciò che realizziamo perché sappiamo che è la cosa giusta da fare per il nostro pianeta. Ecco perché ci stiamo assumendo la responsabilità di ridurre il nostro impatto ambientale a livello globale e di fare della sostenibilità un fattore strategico fondamentale.

La sostenibilità è un ingrediente fondamentale del DNA di Colt e della sua futura strategia aziendale. La sostenibilità è importante a tutti i livelli dell’organizzazione. Come protagonista del settore tecnologico, questo fa parte dell’ambizioso percorso per accelerare la transizione verso un’economia a zero emissioni di carbonio attraverso lo sviluppo di tecnologie nuove ed esistenti. Nell’ambito del suo percorso di sostenibilità, Colt si è impegnata a raggiungere entro il 2030 un livello di emissioni nette globali pari a zero per le proprie attività.

Quello che stiamo facendo per aiutare a costruire un futuro sostenibile è ridurre le nostre emissioni di carbonio come parte di un ambizioso percorso Net Zero per i nostri servizi tecnologici e di data center. Puntiamo a Net Zero per tutte le nostre operazioni entro il 2030 e abbiamo fissato obiettivi di riduzione delle emissioni completi e basati sulla scienza, approvati dalla Science-Based Targets Initiative (SBTi). Il nostro scopo è ridurre le emissioni Scope 1 e Scope 2 del 46% entro il 2030 e lavorare a stretto contatto con i fornitori per ridurre significativamente le emissioni Scope 3 in tutta la nostra catena di fornitura, per limitare il riscaldamento globale a ben meno di 2°C entro il 2030.

Gli ampi obiettivi che il Gruppo Colt si è prefissato includono obiettivi temporanei, che dimostrano la credibilità di Colt e il suo impegno per un’azione immediata. Questi includono:

– 75% di elettricità rinnovabile per tutti i siti a livello globale entro il 2023

– 93% delle emissioni della supply chain allineata a 1,5C SBT entro il 2025

– 38% di veicoli elettrici nella flotta aziendale entro il 2025 e 75% entro il 2030

– 100% di passaggio al gas rinnovabile entro il 2030

La strategia climatica di Colt si concentrerà sulla riduzione interna delle emissioni di carbonio in tutte le sue attività e servizi. Ciò significa misurare e rendere noto l’impatto del Gruppo sul clima e ridurre le emissioni di carbonio in linea con quanto stabilito dalla scienza. Tutte le emissioni che il Gruppo non è in grado di ridurre saranno finanziate attraverso la compensazione della rimozione del carbonio ad alta integrità.

Ci impegniamo a essere sostenibili nei nostri luoghi di lavoro. Abbiamo iniziato a eliminare la plastica monouso in tutti i nostri uffici a livello globale e abbiamo persino progettato un nuovo giardino sul tetto della nostra sede di Madrid (Spagna), per esempio. Inoltre, stiamo lavorando per passare nei prossimi anni a veicoli elettrici e offrirli ai nostri dipendenti nei loro spostamenti.

Questo è solo l’inizio, la nostra strategia di sostenibilità continuerà a garantirci di essere un partner fondamentale per i più grandi clienti hyperscale del mondo. La linea dell’obiettivo di Colt è chiara: puntiamo a diventare leader di mercato nella sostenibilità, non solo riducendo le nostre emissioni, ma anche assistendo i nostri clienti nei loro percorsi di sostenibilità.

L’idea ICT del 2022 di Colt

Se doveste proporre un unico investimento (prodotto, soluzione, metodologia) a un’azienda italiana, una scelta capace di produrre da subito un beneficio a livello di efficienza e competitività, su cosa verterebbe il vostro consiglio?

La pandemia ha dimostrato la centralità della rete e della connettività come elemento abilitante del cambiamento e il ruolo della digitalizzazione come fattore competitivo. La maggior parte delle aziende sta implementando tecnologie digitali per migliorare i processi e innovare i modelli di business. Non si tratta solo di intelligenza artificiale ma anche di cloud, IoT, Big data, tecnologie wireless. Bisogna accelerare questa trasformazione per creare il vantaggio competitivo futuro delle nostre imprese e del nostro paese.

In questo contesto, la rete deve essere l’elemento centrale del futuro di innovazione e crescita, ma è una rete digitale, non tradizionale, on-demand, real-time, self-service, con alto livello di automazione e elementi di intelligenza artificiale e machine learning, che si adatta rapidamente alle diverse necessità e offre un modello commerciale flessibile orientato al consumo e scalabile. Un’architettura IT aziendale che ha il proprio baricentro su una rete di questo tipo apporta benefici ingenti e rapidi al business, soprattutto in termini di capacità di adattamento all’evoluzione del mercato.

Colt ha avuto l’intuizione di lasciare in mano al cliente la scelta del livello e dei parametri di servizio eliminando la complessità. Quindi, in aggiunta alla possibilità di fruire di servizi on demand – ma pagando un’installazione, un canone fisso mese per mese – c’è la possibilità in modalità real-time di sfruttare i servizi con un modello avanzato in cui il livello di commitment è molto basso ed è possibile incrementare e diminuire la banda o modificare i parametri istantaneamente, senza incorrere in spese aggiuntive, fino ad una granularità di ora in ora.

Inoltre, se l’azienda non l’ha ancora fatto, interconnettere Mictosoft Teams con la rete telefonica pubblica è un’operazione semplice e rapida che dà un beneficio immediato in termini di aumento di produttività.

Leggi tutti i nostri articoli su Colt

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php