Home Soluzioni Automotive CES 2020: Qualcomm vara la piattaforma di guida autonoma

CES 2020: Qualcomm vara la piattaforma di guida autonoma

Qualcomm Technologies ha presentato al CES di Las Vegas la nuova piattaforma Snapdragon Ride, soluzione che completa il portfolio di prodotti automotive della società da tempo impegnata a ridefinire la tecnologia di comunicazione.

La soluzione di guida autonoma scalabile e aperta, comprende le famiglie di system-on-chip (SoC) Snapdragon Ride Safety, Snapdragon Ride Safety Accelerator e Snapdragon Ride Autonomous Stack.

Come ha detto Nakul Duggal, senior vice president, product management di Qualcomm Technologies, si tratta di fatto di una piattaforma di guida autonoma scalabile, aperta, personalizzabile e fortemente ottimizzata in termini di potenza, progettata per soddisfare una vasta gamma di requisiti, da NCAP a L2+ Highway Autopilot e Robo Taxis.

Combinata con lo Snapdragon Ride Autonomous Stack o con le specifiche di una casa automobilistica o con i propri algoritmi di livello 1, mira ad accelerare l’implementazione della guida autonoma ad alte prestazioni nei veicoli su larga scala: “Abbiamo investito gli ultimi anni nella ricerca per sviluppare la nostra nuova piattaforma autonoma e di accompagnamento alllo stack di guida, andando a identificare le sfide e raccogliere informazioni dall’analisi dei dati per indirizzare le complessità che le case automobilistiche vogliono risolvere“.

Qualcomm ha anche presentato il nuovo servizio Qualcomm Car-to-Cloud, prima offerta di servizi integrati dell’azienda pensati per le auto connesse e compatibili con le piattaforme Qualcomm Snapdragon Automotive Cockpit e Qualcomm Snapdragon Automotive 4G e 5G.

Il servizio Qualcomm Car-to-Cloud è progettato per aiutare i produttori di automobili a mantenere aggiornati i cockpit e i sistemi telematici e fare in modo che i veicoli siano pronti al futuro, garantendone la flessibilità necessaria per attivare funzionalità in qualsiasi momento, così che i produttori siano al passo con i trend tecnologici richiesti dai consumatori anche nonostante i tradizionali cicli di produzione dei prodotti automotive.

Il servizio Qualcomm Car-to-Cloud consente ai produttori di monetizzare durante il ciclo di vita di un veicolo attraverso gli aggiornamenti over-the-air (OTA), sblocco on-demand di funzionalità e servizi pay-as-you-use, raccogliendo allo stesso tempo preziosi dati di analisi del veicolo.

Qualcomm ha anche nnunciato la piattaforma Qualcomm C-V2X per i veicoli e le infrastrutture stradali (RSUs). La soluzione tiene conto della richiesta della tecnologia Cellular Vehicle-to-Everything (C-V2X) e nasce per rispondere alle esigenze sia dei veicoli che delle infrastrutture stradali in termini di sicurezza e applicazioni per la mobilità.

La reference platform Qualcomm C-V2X integra le soluzioni di comunicazione C-V2X attraverso capacità computazionali in grado di fornire una serie di soluzioni 4G, 5G Wireless e C-V2X che comprendono servizi di localizzazione multifrequenza GNSS che garantiscano precisione nella posizione, sicurezza nei messaggi V2X, strumenti di registrazione e verifica dei flussi V2X Intelligent Transport System (ITS). La piattaforma Qualcomm C-V2X è basta su architettura Qualcomm ad elevate performance e bassa potenza ed è ottimizzata per l’utilizzo con applicazioni software al fine di accelerare ulteriormente l’implementazione dei sistemi C-V2X in-car e RSU negli Stati Uniti e a livello globale.

Qualcomm ha anche annunciato il proseguimento della collaborazione con General Motors, che intende alimentare il cockpit digitale, la telematica e i sistemi avanzati di assistenza alla guida.

Nuovi chip per l’automotive e non solo

Qualcomm ha presentato a Las Vegas il QCA6595AU, un nuovo chip combinato per il settore automotive. Progettato per raggiungere velocità di 1 Gbps, QCA6595AU è complementare al chip Qualcomm Automotive Wi-Fi 6 dual-MAC QCA6696, che può raggiungere velocità di throughput di 1.8 Gbps, e completa il chip QCA6574AU Wi-Fi 5 single MAC, che abilita throughput fino a 867 Mbps. Insieme a QCA6696 e QCA6574AU, il nuovo QCA6595AU completa il portfolio di Qualcomm Technologies di prodotti scalabili Wi-Fi e Bluetooth per gamme di veicoli virtuali.

Qualcomm ha anche presentato Qualcomm aptX Voice audio, un nuovo codec voce che assicura una qualità vocale ad alta definizione via connessione Bluetooth. L’intelligibilità e la comprensione vocale sono elementi fondamentali per assicurare una comunicazione senza interruzioni tra telefono e aptX Voice, una nuova funzionalità della tecnologia audio adattiva di Qualcomm sviluppata per migliorare significativamente la qualità della voce per tutti coloro che utilizzano accessori Bluetooth per effettuare chiamate.

Oggi i codec super wideband sono utilizzati dagli operatori telefonici per migliorare la qualità delle chiamate da mobile: ciò significa che già molti utenti possono beneficiare di una elevata qualità delle chiamate. Ad ogni modo, quando si connettono accessori che supportano il Bluetooth Handsfree Profile per fare e ricevere chiamate, la qualità vocale non è la stessa.

Così come la tecnologia aptX è stata sviluppata per migliorare la qualità dello streaming musicale via Bluetooth, aptX Voice è stata ideata per migliorare l’esperienza vocale di chiamata assicurando una migliore qualità grazie all’utilizzo della frequenza a 32kHz via Bluetooth Handsfree Profile che garantisce una scansione della voce chiara e cristallina.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php