Home Mercato Investimenti finanziari, agli italiani piace Amazon

Investimenti finanziari, agli italiani piace Amazon

I titoli azionari sono uno dei modi più popolari in cui le persone orientano i propri investimenti, e gli italiani credono fortemente in Amazon.

Pur essendo soggette alla volatilità del mercato, le azioni tendono a funzionare molto meglio dei tipi alternativi di investimenti per un lungo periodo di tempo e hanno l’alto potenziale per generare un rendimento impressionante.

Interessata agli investimenti azionari, Invezz.com ha analizzato i dati ottenuti dallo strumento di analisi online Ahrefs.com per individuare quali azioni siano più apprezzate dagli investitori italiani.

azioni amazon

Invezz ha quindi affermato che Amazon è la società in cui gli italiani più vogliono investire, con ben 18.500 ricerche online al mese per il loro titolo.

In questo l’Italia si distingue da tutto il resto d’Europa, che invece come punto di riverimento per gli investimenti premia Tesla.

Del resto, continua l’analisi di Invezz, Amazon come prospettiva di investimenti in azioni è sicuramente allettante, dato il loro costante desiderio di espandersi in nuovi servizi, come il lancio americano del servizio di vendita di farmaci online.

Microsoft è in seconda posizione fra le aziende tecnologiche, con 11.800 richieste online al mese.
Al terzo posto c’è AT&T che riceve in media 9.800 ricerche online ogni mese da italiani desiderosi di investire nel più grande fornitore di telecomunicazioni del  mondo.

Dall’altra parte in decima posizione c’è Alibaba. Il colosso dell’e-commerce cinese ottiene 5.400 ricerche online ogni mese dagli italiani.

Considerando che l’investimento in azioni può essere un pilastro fondamentale nella costruzione della ricchezza personale, Invezz ha intervistato 1.631 italiani indecisi per scoprire cosa li invoglierebbe ad aumentare il proprio volume di investimenti.

Il campione ha risposto che è importante ottenere maggiori conoscenze sugli investimenti (76%), oltre alla riduzione delle spese non essenziali, per cui sono disponibili più fondi per gli investimenti (65%).

Gli italiani ritengono inoltre importante l’accettazione consapevole che ci saranno vari “rischi” associati all’investimento (69%).

Per questo, è anche ragionevole che il 62% del campione abbia indicato l’importanza di avere l’aiuto o l’orientamento di un professionista degli investimenti (62%). Infine, una componente psicologica: essere meno scoraggiati dalla speculazione negativa sul mercato azionario  (34%)

Invezz ha inoltre deciso di contribuire alla consapevolezza negli investimenti fornendo una serie di utili consigli.

Prima di tutto, definire le proprie intenzioni. Se si sta semplicemente semplicemente cercando di “giocare sul mercato” alla ricerca di un profitto rapido, allora sarebbe saggio non assumere troppi rischi – si consiglia di entrare nel mercato al fine di investire almeno per un massimo di cinque anni.

È più probabile che un investitore sia maggiormente consapevole su quanto sta succedendo se investe in aziende in cui ha un reale interesse: la conoscenza approfondita di una società ne rende l’investimento più proficuo e meno rischioso. Inoltre, tutte le società quotate rilasciano report periodici, quindi sono numerosi gli strumenti con cui fare investimenti ponderai.

Notizie avverse o inaspettate su un’azienda o un settore possono avere un enorme impatto sulle prestazioni delle azioni, ma è importante non reagire in modo affrettato ad agire solo sull’onda di impulsi emotivi.
Infatti, gli investimenti azionari possono salire e scendere rapidamente, quindi è importante valutare attentamente la situazione prima di prendere decisioni.

Diversificare il  più possibile il portafoglio di investimenti azionari investendo in società di diversi settori. Ciò ridurrà significativamente l’esposizione al rischio quando le forze di mercato avverse colpiscono determinati settori più di altri.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php