All’Università del Salento si valutano le performance organizzative

Per migliorare la qualità dei servizi offerti dalle risorse amministrative e premiare i dipendenti meritevoli, l’Ateneo sta implementando l’Hr di Cezanne Software.

Un software per migliorare la qualità dei servizi offerti dalle risorse amministrative e premiare i dipendenti meritevoli. Lo sta implementando l'Università del Salento che, seguendo le prescrizioni del dlgs 150/2009 e le recenti delibere a cura della Commissione indipendente per la valutazione, trasparenza e integrità delle amministrazioni pubbliche, ha scelto il processo di valutazione delle performance messo a punto da Cezanne Software.

Tra le prime università italiane intenzionate a dotarsi di sistemi in grado di migliorare le performance delle risorse umane, l'Ateneo salentino coinvolgerà oltre 650 dipendenti, di cui 100 manager, del settore amministrativo nel progetto recentemente ufficializzato a Brindisi in occasione del convegno intitolato: “Mantenere la spesa pubblica ottimizzando il Welfare: le tecnologie informatiche al servizio dei cittadini e delle amministrazioni locali”.

Organizzato dal Distretto produttivo dell'informatica, in collaborazione con Sprint Puglia e Regione Puglia, nell'ambito dell'assemblea nazionale dell'Anci, quest'ultimo aveva come obiettivo promuovere la trasparenza nella valutazione delle perfomance della Pa attraverso soluzioni per la gestione delle risorse umane come quella proposta dalla software house londinese. Le stesse che, al momento vedono coinvolti poco più di 100 gli utenti, tra manager e dirigenti, dell'Ateneo.

Dopo questa prima fase di apprendimento, entro il prossimo gennaio la valutazione degli obiettivi verrà estesa al totale dei dipendenti coinvolti per garantire agli stakeholder, in particolare agli studenti, maggiore trasparenza ed efficienza del sistema attraverso la misurazione delle prestazioni e dei risultati raggiunti da ogni unità del personale dipendente. La valutazione delle perfomance organizzative affidata a un team di esperti avverrà attraverso griglie comuni di autovalutazione qualitativa e quantitativa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here