Adp Byte, dall’R&D nasce la nuova gestione Hr

Con 10 milioni di euro investiti in Italia la realtà punta a essere partner per la svolta nella gestione delle risorse umane.

Dopo l'acquisizione dello scorso ottobre di Byte da parte di Adp, società internazionale che fattura 9 miliardi di dollari, il ceo della realtà italiana, Roberto Gamerro (nella foto), ha definito i punti salienti della proposta di soluzioni e servizi in ambito della gestione Hr in dimensione, affidabilità, solidità, world class service, scalabilità e flessibilità dell'offerta, internazionalità.

« Siamo - ha dichiarato in una nota - una delle società che più investono in R&D. In Italia l'investimento ammonta a circa 10 milioni di euro. Ogni azienda potrà beneficiare della scalabilità tipica della sua offerta; ciò le consentirà di poter decidere, in funzione della fase di sviluppo della propria organizzazione, per la soluzione che maggiormente soddisfa le sue esigenze in termini di funzioanalità e modalità di erogazione».

Per Emanuele Castellani, Direttore Business Development e Marketing Strategico della società, riporta la stessa nota, Adp e Byte si completano e arricchiscono il rispettivo patrimonio di competenze, spaziando dallo sviluppo del software alla vendita in licenza fino all'erogazione di un servizio in outscourcing a livelli differenti in funzione delle differenti esigenze del cliente.

Tra le innovazioni pronte per essere proposte al mercato c'è HrWorld 20XI, nuova offerta Adp Byte che contiene tutte le soluzioni, sia software sia di servizio, per la gestione del personale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here