A settembre i nuovi standard Wi-Fi

Wi-Fi Alliance dovrebbe approvare per la fine dell’estate i nuovi standard 802.11i e 802.11e. La sicurezza in primo piano.

6 maggio 2004 Entro il mese di settembre
Wi-Fi Alliance dovrebbe certificare i prodotti per i
nuovi standard 802.11i e 802.11e.
802.11i
è la versione completa dello standard di sicurezza Wpa (Wi-Fi
Protected Access)
introdotto in versione preliminare lo scorso anno,
mentre 802.11e è uno standard che dovrebbe migliorare la

qualità delle reti wireless che trasmettono voce e video.
La sicurezza rappresenta in effetti uno dei
principali inibitori allo sviluppo di reti wireless. Lo scorso anno, la versione
preliminare di Wpa sostituì il protocollo Wep (Wired Equivalent
Privacy),
sempre in un'ottica di miglioramento della sicurezza.

Wpa utilizza una chiave di encryption dinamica, diversamente da Wep, che utilizza una chiave statica.
Lo standard 802.11i implementa
inoltre la tecnologia Advanced Encryption Standard
, un livello di sicurezza in questo caso superiore a quello utilizzato in Wpa. La disponibilità di livelli di sicurezza superiori, fondamentali sia per le aziende sia per la pubblica amministrazione ha però come contropartita la necessità di sostituzione di alcuni degli apparati di rete eventualmente già installati.
Gli apparati di generazione più recente non dovrebbero avere particolari difficoltà a un aggiornamento via software per supportare l'intero standard 802.11i, mentre per i device meno recenti sarà fondamentale la consulenza di ciascun produttore.
Diversi sono invece
gli obiettivi alla base dello standard 802.11e
, che migliora la qualità delle connessioni wireless, dando priorità al traffico che non deve risentire di ritardi e interruzioni, quale ad esempio il video streaming o la trasmissione voce.
il nuovo standard sarà reso disponibile come aggiornamento software per qualsiasi device wireless.
L'aggiornamento allo standard 802.11e renderà più
semplice lo sviluppo di reti Ip wireless
, tanto che, in concomitanza
con il suo rilascio, dovrebbero fare la loro comparsa sul mercato anche nuovi
telefoni dual-mode, che supporteranno sia WLan 802.11 sia standard Wan, come
Gsm.
Ed è sempre attesa per il mese di settembre la certificazione di nuovi
prodotti che utilizzano un subset dello standard 802.11e, definito
Wireless Media Extensions

. Questa tecnologia, studiata per migliorare la qualità del servizio, identifica pacchetti di dati voce, video, audio e assegna a ciascuno di loro una priorità in base alle condizioni del traffico.
Infine, sempre nell'ambito di 802.11e , è
prevista l'integrazione della tecnologia Wsm, Wi-Fi Scheduled
Media
, che alloca la banda in base alla tipologia dei dati trasmessi,
aumentando la banda in particolare per le applicazioni voce o video.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome