Pure Storage e Cisco rilanciano sui data center

Pure Storage

Si consolida la partnership tra Pure Storage e Cisco relativamente al portafoglio FlashStack Converged Infrastructure con un’ampliamento delle soluzioni disponibili.

“Pensiamo di essere in grado di aggredire l’’80% del mercato grazie a questa partnership – afferma Ben Savage, capo del canale e delle alleanze per l’Emea di Pure Storage” forte dalla posizione dell’azienda di Mountain View consolidata da Gartner come leader per tre anni consecutivi nel settore degli array a stato solido.

E i 900 clienti in circa 30 paesi nel mondo confermano la leadership di Pure Storage, grazie anche alla lungimiranza di proporre una soluzione basata su stato solido verso cui oggi tutti i data center stanno convergendo.

La versatilità della tecnologia, infatti, si sposa benissimo con le richieste di tendenze dei data center: l’incremento del numero dei clienti e della complessità delle esigenze. In questo scenario, FlashStack si dimostra un’ottima piattaforma di consolidamento per workload It eterogenei.

Cisco, dal canto suo, ha scelto da tempo Pure Storage come primo partner per le soluzioni di storage a stato solido proprio per garantire un’application delivery agile, altamente sicura ed efficiente con un rapido accesso alle informazioni”.

Il tris composto dall’infrastruttura Cisco Unified Computing System, storage Pure Storage FlashStack con l’aggiunta eventuale di Cisco Nexus e l’immancabile Vmware, dunque, si dimostrano l’offerta ideale su cui puntare per le attuali esigenze dei data center.

Alla famiglia Pure Storage FlashArray//m (10-20-50-70, differenti a seconda della capacità), ora si aggiunge il FlashStack Mini, una soluzione pensata per portare le stesse performance in ambito Pmi o filiali.

Pure Storage: poco canale ma buono

Soluzione tagliata per un specifico ambiente applicativo è, infine, Cisco Validated Design per FlashStack, una sorta di pacchetto chiavi in mano garantito da Cisco che può prevedere VMWare Horizon per deployment fino a 5mila postazioni ma anche Oracle Database 12c con Oracle Real Application Cluster. In ogni caso, Pure Storage rende disponibili i FlashStack per tutti gli ambienti applicativi standard, da Sap a Microsoft.

L’endorsement di Cisco arriva anche da Alberto Degradi, Sales Leader for Infrastructure Architecture in Cisco Italia: “Pure Storage è il partner nel nome della converged infrastructure – afferma il manager – e, in particolare in Italia, considero il portafoglio di soluzioni particolarmente interessante nell’ambito della Pubblica Amministrazione, oltre che al Finance, settore in cui siamo già presenti con progetti rilevanti”.

Il portafoglio di soluzioni integrate Cisco/Pure Storage saranno disponibili solo attraverso il classico canale 2-tier, ed è necessaria una particolare certificazione. “In Italia lavoriamo con tre distributori, Computer Gross, Systematika e Arrow – spiega Savage – e pensiamo ci sia spazio per circa 5/6 rivenditori vista la particolarità delle soluzioni e la necessità di non saturare il mercato”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here