Cinque nuovi ruoli IT creati dall’evoluzione tecnologica

Ogni evoluzione tecnologica si porta dietro nuovi ruoli e questo è particolarmente vero per l'IT in azienda.

Nel definire i nuovi ruoli IT delle loro organizzazioni le imprese oggi ci mettono anche troppa fantasia, a volte, ma anche se una posizione ha un nome improbabile questo non vuol dire che non sia davvero necessaria o che non abbia un futuro. Per capirci meglio, eccone alcune di recente "scoperta".

I nuovi ruoli nascono quando le nuove tecnologie si fanno prevalenti nelle imprese, questo oggi vuol dire concentrarsi soprattutto sul cloud e sull'IoT.

Gli aspetti architetturali del cloud li possiamo lasciare ai tecnici dell'IT, c'è però un tema fondamentale - i costi - che richiede una figura con competenze tecniche e di business allo stesso tempo.

Il negoziatore di costi

Che si chiami Cloud Cost Containment Officer, Cloud Cost Negotiator o Cloud Steward, è una persona che sa muoversi tecnicamente nei meandri dei servizi e delle opzioni dei cloud provider per capire come soddisfare le esigenze del business spendendo il meno possibile.

In campo Internet of Things le aziende hanno capito che avere prodotti e sistemi digitalizzati e connessi è una gran cosa, ma richiede anche figure in grado di avere una visione trasversale delle iniziative IoT e dello sviluppo di nuovi prodotti e servizi.

Il CIoTO

Nasce così il CIoTO (Chief IoT Officer), una posizione di alto livello che ha il compito di definire le strategie d'impresa legate all'IoT e anche di valutare e aiutare e recepire le nuove tecnologie più promettenti.

Non tutte le aziende hanno una vera e propria strategia trasversale per l'Internet of Things e questo evita la necessità del CIoTO. Ma non di nuovi ruoli IT che sappiano come gestire la grande mole di dati che si collega alle implementazioni IoT. Non tanto per la parte operativa da data analyst quanto per quella di definizione delle policy e delle procedure.

Il Data Protection Officer

E a proposito di dati, la figura del Data Protection Officer interesserà tutte le imprese quando la General Data Protection Regulation (GDPR) sarà in vigore l'anno prossimo. La compliance con la GDPR non è negoziabile e i temi della privacy richiedono una figura ad hoc in tutte le grandi imprese - e sono molte - che non se la sono ancora data.

Il DevOps Manager

Altra figura che sta diventando molto popolare è il DevOps Manager, nato ovviamente sulla scia della diffusione dell'omonimo approccio allo sviluppo. Non c'è ancora una definizione del tutto condivisa di cosa faccia un DevOps Manager, di certo però è una figura con competenze sia tecniche sia manageriali e la focalizzazione sulle prime o sulle seconde dipende da caso a caso.

Si tratta di una figura professionale che trova posto soprattutto nelle grandi imprese che hanno già in essere processi e sistemi di sviluppo rapido e test, con un buon grado di automazione. Il DevOps Manager in questi casi deve saper gestire sia i team di sviluppo sia le piattaforme software.

L'Automation Architect

Un'altra posizione in ascesa nelle ricerche di personale per i nuovi ruoli IT è l'Automation Architect. In campo IT l'automazione assume molti volti e anche questo ruolo non ha una connotazione ben specifica comune per tutti. In generale è la persona responsabile delle strategie di automazione dell'IT aziendale, quindi ha di certo competenze tecniche ma anche una visione trasversale dei flussi tecnologici d'impresa. Deve capire dove e come velocizzarli e oggi è una figura collegata in particolare alla gestione del datacenter e delle attività di sviluppo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here