Windows 10 Anniversary Update, cosa aspettarsi

In attesa del rilascio ufficiale dell’Anniversary Update di Windows 10 – ricordiamo che la possibilità di upgrade gratuito dalle precedenti versioni del sistema operativo è scaduta lo scorso 29 luglio e da adesso in poi chi volesse aggiornare la propria macchina dovrebbe farlo a pagamento – cerchiamo di capire quali dovrebbero essere le principali novità di questa nuova release.
In primo luogo la conferma che non di nuova release si tratta, ma di un aggiornamento, che tutto sommato la stessa Microsoft cerca di trattare “quasi” (il quasi è necessario in questo caso) come un qualsiasi altro “Tuesday Update”.
In realtà, è proprio con la fine del programma di aggiornamento gratuito alla piattaforma che prende il via la strategia di aggiornamento continuo che la società ha deciso di adottare per il suo sistema operativo: basta release, basta nuove versioni, l’aggiornamento d’ora in avanti avverrà con una serie di aggiornamenti rilasciati periodicamente, come già avviene con le feature di sicurezza.
Cosa c’è dunque da attendersi da questo Anniversary Update?

1Windows Ink

Si parte con Windows Ink. L’update porterà con sé un nuovo hub, un nuovo centro per le applicazioni che supportano Ink, da Sticky Notes a SketchPad e una estensione del supporto di Ink a Maps, Edge e Office. Ci sarà una più stretta correlazione tra Ink e Cortana, così che Cortana sarà in grado di interpretare il testo scritto, ad esempio suggerendo di aggiungere un evento al calendario qualora nell’appunto scritto si faccia menzione a una data o a un giorno specifico.

2Cortana

Con il nuovo aggiornamento, Cortana può attivarsi con il solo comando vocale. Questo significa che non è più necessario che l’utente si trovi davanti al computer per sbloccare Cortana e chiedere assistenza. Sarà sufficiente chiamarla con il classico “Hey Cortana”.
Oltre ad aggiungere il supporto per nuove lingue, Cortana è in grado di leggere e interpretare mail e calendario, dando i suoi suggerimenti laddove vi siano meeting o appuntamenti da programmare.
Nel contempo, si può chiedere a Cortana di assisterci in attività non correlate al calendario, ad esempio dove abbiamo parcheggiato l’auto o dove abbiamo lasciato un determinato oggetto.
Cortana sarà dotata di un nuovo corredo di Apps, raggruppate in una Cortana Collection in Windows Store.

3Hello

Il supporto a Windows Hello, il sistema di riconoscimento biometrico che consente di accedere al computer con una foto o l’impronta del dito, viene esteso e includerà anche siti web e App: laddove il supporto sarà garantito (al momento non si sa quali saranno i siti abilitati) l’utente non dovrà più digitare password per accedere ai servizi.

4Dark Theme

Testo bianco su schermo nero: questo è quanto verrà garantito dal Dark Theme di Windows. La funzionalità era accessibile solo in alcune versioni del sistema operativo e solo attraverso una combinazione di istruzioni: ora arriva in general availability.

5Edge

Per incoraggiare un utilizzo più esteso del suo browser, Microsoft aggiungerà a Edge nuove estensioni, una più stretta connessione al cloud e una migliore integrazione con Cortana e con Hello.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome