Walmart debutta nell’ecommerce, purché multicanale

Il gigante del retail Usa avvia una propria strategia di ecommerce, che prevede una stretta collaborazione con i punti vendita distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Non è certo una novità che i big player del retail stiano, soprattutto negli Stati Uniti, facendo i conti con la crescente competizione dei protagonisti dell’ecommerce, Amazon in primis.
La sfida è aperta da tempo e la posta in gioco molto alta, anche stando allo scenario dipinto ormai più di un anno fa da una allarmata Canalys, convinta che per il brick and mortar il ritardo fosse ormai incolmabile.

Ma c’è chi ci prova ancora, scegliendo la strada della multicanalità.
Come Walmart che, per accelerare i tempi di consegna delle merci verso i suoi clienti online, ha deciso di organizzare presso i suoi punti vendita degli armadietti di sicurezza, presso i quali i clienti possono effettuare il picking dei prodotti.
Non solo.
Ha deciso di raddoppiare anche il numero dei punti vendita presso i quali è possibile ritirare ed eventualmente pagare in contanti la merce ordinata online, con l’obiettivo di contrastare, con la forza delle sue migliaia di punti vendita distribuiti sul territorio americano (due terzi della popolazione americana vive a meno di cinque miglia di distanza da un punto vendita della catena), la copertura di un player come Amazon.

Per il gigante del retail si tratta di un vero debutto nel mondo dell’ecommerce, dal quale per altro conta di trarre un business profittevole.
Un debutto orchestrato in collaborazione con i punti vendita fisici, che a questo punto diventano la leva per superare alcuni degli inconvenienti che accompagnano la vendita esclusivamente online: dal furto dei pacchi lasciati sull’uscio di casa, alla impossibilità di effettuare transazioni in contanti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here