Volkswagen crea nuovi business con il deep learning

Il gruppo Volkswagen ha deciso di intensificare la collaborazione che ha già da tempo con Nvidia, concentrandosi in particolare sul tema del deep learning allo scopo di potenziare le sue competenze nel campo dell’intelligenza artificiale.

Non si tratta in questo caso della “classica” iniziativa delle case automobilistiche mirata alla guida autonoma, l’ambito dei progetti dell’azienda tedesca è più ampio.

La collaborazione riguarda infatti il Volkswagen Data Lab, creato a Monaco qualche anno fa. È considerato dalla casa tedesca come il suo centro di eccellenza per tutto ciò che riguarda AI e analisi dei dati, in questo senso esplora le possibilità di applicare il deep learning “nei processi aziendali e nel campo dei servizi di mobilità”. La guida autonoma rientra in questa descrizione generica ma solo come elemento minimo, le possibilità ipotizzate vanno dall’ottimizzazione del traffico nelle città alla cooperazione tra personale umano e robot.

Anche per Volkswagen uno degli scopi principali dell’applicazione del deep learning è trasformare i dati in informazioni utili per creare nuovi filoni di business. Per questo il CIO della casa tedesca, Martin Hofmann, ha sottolineato che “L’intelligenza artificiale è la chiave del futuro digitale del gruppo. Vogliano sviluppare e installare noi stessi sistemi di AI ad alte prestazioni ed è per questo che stiamo ampliando le nostre competenze”.

Nell’ambito della nuova collaborazione il Volkswagen Data Lab ha attivato anche un programma di supporto tecnico e finanziario per le startup di qualsiasi nazione, purché abbiano sviluppato applicazioni interessanti di machine learning e deep learning per il mercato automotive. Saranno anche organizzati eventi in cui gli studenti con formazione in IT, matematica o fisica potranno sviluppare metodi di deep learning per la robotica.

Altre collaborazioni tra Volkswagen e Nvidia riguardano la guida autonoma per il marchio Audi e lo sviluppo di un cockpit “intelligente” per auto, che suggerisca le operazioni alla guida più indicate a seconda della situazione e presenti i comandi virtuali per completarle. Questo aiuterebbe a ridurre il numero di comandi fisici all’interno delle vetture. Da parte sua, Nvidia ha annunciato di recente anche una collaborazione con Volvo, sempre nel campo della guida autonoma.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome