Home Prodotti Networking e TLC Tp-Link sostiene la trasformazione digitale di Pmi e famiglie

Tp-Link sostiene la trasformazione digitale di Pmi e famiglie

Per Tp-Link il 2020 è stato un anno di grandi sfide da affrontare: la pandemia ha causato mutamenti radicali nelle esigenze di famiglie e aziende, e riuscire a supportare un intero mondo nel pieno della trasformazione digitale poteva rappresentare uno scoglio troppo alto.

Diego Han, Country Manager per l’Italia della società, ha raccontato con grande orgoglio di come Tp-Link sia riuscita a sostenere il paese con le proprie soluzioni, e il mercato ha ripagato con un successo commerciale invidiabile.
Se il Pil italiano è sceso di quasi il 9% nel 2020, il fatturato di Tp-Link è cresciuto del 66% attestandosi a 50 milioni di euro. Definire questo risultato in controtendenza sarebbe di gran lunga riduttivo e non descriverebbe l’incredibile lavoro svolto da Han e dal suo team.

I prodotti Tp-Link sono venduti nel 70% delle nazioni mondiali, e sono fortemente indirizzati verso quella che focalizzati in quella che Han definisce “smart lifestyle”: la nuova frontiera del wellness domestico e delle Pmi.

La società si differenzia dai competitor, secondo il Han, per la spiccata attività di ricerca e sviluppo: 6 centri di ricerca già attivi e uno di prossima apertura sono alla base del lancio di soluzioni sempre nuove e innovative. A contribuire al successo commerciale c’è anche un eccellente rapporto prezzo/prestazioni, reso possibile dalla supply chain interna.
In questo modo è possibile al tempo stesso ridurre i costi e garantire la qualità di ogni singolo componente. Questo permette un miglior controllo della qualità: sono oltre 200.000 i test fatti per verificare l’affidabilità dei prodotti.

Tp-link si aspetta forte crescita per i device Wi-Fi 6 e per il mondo legato al 5G e cloud, in particolare con riferimento al segmento Pmi.

Sono numerose le novità di prodotto presentate che vanno ad arricchire la gamma Wi-Fi 6: nuovi router Archer AX 10, AX 50 e AX 6000, il range extender RE505x e il nuovo sistema mesh Deco X20 (qui la nostra recensione del Deco M4). La nascente gamma 5G vede l’arrivo di un ulteriore sistema mesh, Deco X80-5G

tp-link

Giancarlo Patti, Retail Sales Manager Tp-Link Italia, ha voluto ringraziare i 23 dipendenti italiani per il grande lavoro svolto e che ha prodotto i brillanti risultati finanziari ottenuti. L’aumento di fatturato è certamente frutto del lavoro del team e, inutile negarlo, del cambio di abitudini influenzato dalla emergenza coronavirus.

La profondità del portfolio e il prezzo aggressivo sono fattori importanti per la crescita, e la capillarità sul territorio attraverso il canale retail ed ecommerce, facilitano la reperibilità dei prodotti da parte dei consumatori.
La società si sta rivolgendo con crescente convinzione anche al mercato Pmi, già oggi responsabile del 20% del venduto italiano.
Grazie alle soluzioni Omada, Tp-Link affronterà il mercato business, con un focus particolare su healthcare, istruzione e hospitality.

tp-link

Tre mercati che sono stati per diverse ragione molto sotto stress a causa della emergenza coronavirus.
Telemedicina e gestione a distanza del paziente sono tasselli della sanità del presente e ancor di più del futuro; ogni famiglia sa bene quanto la didattica a distanza sia fondamentale per la continuità dell’istruzione dei ragazzi e in questo la gamma completa di Tp-Link gioca un ruolo determinante sia dal punto di vista domestico che per la connettività negli istituti scolastici. Secondo Istat, una famiglia italiana su quattro non dispone di accesso alla banda larga da casa e risulta discriminata nell’accesso alle risorse di formazione online e nella possibilità di svolgere lo smart working.
Il gap tra il Lombardia – regione più digitalizzata in Italia – e le regioni fanalino di coda della classifica DESI 2019, come Calabria e Molise, è di ben 28 punti. Tp-Link sosterrà queste famiglie e regioni in difficoltà, grazie alle sue tecnologie efficienti e a basso costo; la società si schiera al fianco di Assoprovider per combattere il Digital Divide e favorire il processo di digitalizzazione in Italia.

Anche il mondo dell’hotellerie non si ferma, e trasforma lo stop forzato in un’occasione di rinnovamento digitale: l’intero customer journey è stato in molti casi riprogettato in chiave digital con procedure di check-in e check-out senza contatto, dialogo con lo staff tramite chat, fino ad arrivare agli strumenti di pagamento online e contactless.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php