Home Digitale Targa Telematics: la metodologia agile fondamentale per ricerca e sviluppo

Targa Telematics: la metodologia agile fondamentale per ricerca e sviluppo

L’intervista a Nicola De Mattia, di Targa Telematics

A distanza di un anno dal varo a livello europeo del recovery plan, che in Italia ha portato al PNRR, 01net realizza un’inchiesta, basata su un ciclo di interviste con le principali società che operano in Italia nell’ICT sulla loro strategia per la digitalizzazione delle aziende italiane nel 2022.
Parliamo con loro di quattro temi cardine della trasformazione digitale: resilienza, cybersecurity, cloud, sostenibilità ambientale e sociale e le risposte consentono di costruire la mappa di partecipazione delle realtà ICT alla crescita del Paese in senso digitale.
E c’è un tema in più, il quinto: con spirito consulenziale, chiediamo di fornire agli imprenditori italiani un’idea in più, capace di produrre valore immediato sul piano dell’efficienza e della competitività.

Per Targa Telematics ci ha risposto l’Amministratore Delegato, Nicola De Mattia.

Un anno dopo il Recovery Plan, a che punto siamo con la reale trasformazione del Paese: con quali soluzioni, competenze e servizi partecipate alle missioni del PNRR che coinvolgono il digitale?

 Riguardo i piani di investimento del PNRR relativi alla mobilità, Targa Telematics è senz’altro pronta a supportare i soggetti che vorranno fruirne, accelerando sul tema dell’innovazione.

La mission di Targa Telematics è di sviluppare soluzioni tecnologiche per la smart mobility e piattaforme IoT digitali che fornisce agli operatori di mobilità. Lavoriamo per digitalizzare questo settore e lo facciamo con un costante investimento in ricerca e sviluppo, perché siamo consapevoli che la velocità nel go to market per i nostri clienti è ormai un fattore fondamentale, e noi fungiamo da vero e proprio acceleratore per la realizzazione delle loro strategie di business e dei loro piani di posizionamento competitivo.

Qualche mese fa – in questo senso – abbiamo annunciato di voler raddoppiare l’organico del nostro hub di Ricerca & Sviluppo di Treviso, che può contare al momento su una squadra di circa 70 professionisti, tra ingegneri e sviluppatori, impegnati nella sperimentazione e nel continuo perfezionamento delle soluzioni di ultima generazione per la smart mobility e l’Internet of Things.

Il nostro obiettivo è di continuare ad accompagnare i nostri partner nei loro processi di digitalizzazione, rendendoli vincenti sul mercato della mobilità ora e nel prossimo futuro, e facendo loro cogliere appieno le opportunità offerte dall’evoluzione tecnologica diretta al raggiungimento della neutralità carbonica e verso i nuovi servizi che utilizzeranno i veicoli del futuro, siano essi connected, autonomous, shared o electric.

Dopo il Cop26 si è capito che la sostenibilità, sia ambientale sia sociale, oramai riguarda non solo tutti i Paesi ma anche tutte le aziende. Qual è la vostra strategia riguardo questi temi?

 Come azienda che sviluppa tecnologie dedicate alle nuove forme di mobilità, la nostra strategia ESG si focalizza sia sui comportamenti interni all’azienda stessa che sulle tematiche relative al raggiungimento della neutralità carbonica, come detto, supportando gli operatori di mobilità quali car rentals, car makers, compagnie assicurative, e le grandi flotte di vetture nella transizione verso l’elettrico.

Siamo impegnati quindi a co-creare con i nostri clienti nuovi modelli di mobilità sostenibile volti a ridurre le emissioni di CO2, diminuire la congestione del traffico, e plasmare un futuro in cui spostarsi avrà sempre meno impatto sull’ambiente che ci circonda.

L’idea ICT del 2022: se doveste proporre un unico investimento (prodotto, soluzione, metodologia) a un’azienda italiana, una scelta capace di produrre da subito un beneficio a livello di efficienza e competitività, su cosa verterebbe il vostro consiglio?

Consiglieremmo di implementare la metodologia Agile, che è quella che permette al nostro hub di Ricerca & Sviluppo di Treviso di essere un serbatoio molto fiorente di idee e di tecnologia di ultima generazione e consente la realizzazione ed il lancio rapidissimo sul mercato di soluzioni che portino un valore concreto, misurabile, integrato e continuo all’attività dei clienti.

La metodologia di lavoro Agile prevede una serie di approcci vincenti nel campo della Ricerca & Sviluppo e della crescita professionale, come la formazione di piccoli gruppi polifunzionali e auto-organizzati, lo sviluppo incrementale dei progetti, oltre al coinvolgimento diretto e continuo del cliente nel processo di realizzazione della soluzione tecnologica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php