Tagli nel comparto hi-tech: + 1.223% negli Usa

Secondo la società americana Challenger, Gray & Christmas, a oggi le riduzioni all’organico raggiungono già quelle annunciate complessivamente nel 1999 e nel 2000

L’ultimo anno è sembrato un lungo e inarrestabile bollettino di guerra, fatto di continui annunci di riduzioni e tagli negli organici aziendali. Ma quanti sono stati, finora, i licenziamenti annunciati? Il conto l’ha fatto la società americana di collocamento Challenger, Gray & Christmas, la quale ha valutato che fino alla fine di agosto nei soli Stati Uniti sono stati annunciati tagli per 1.123.000 posti, con un incremento dell’83% rispetto a quelli dichiarati in tutto l’anno 2000. Anzi, c’è di più. A ben guardare, e mancano ancora quattro mesi alla fine dell’anno, la situazione a oggi è appena al di sotto del totale delle riduzioni annunciate nel 1999 e 2000 messi insieme. Drammatica, non c’è che dire, la situazione per il comparto hi-tech. I tagli annunciati nei settori telecomunicazioni, computer e elettronica sono cresciuti del 1.223% rispetto a un anno fa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here