dipendenti in remoto Gartner

Un sondaggio condotto dalla società di ricerca Gartner su 229 leader delle risorse umane il 2 aprile, ha rivelato che quasi il 50% delle organizzazioni ha riferito che l'81% o più dei propri dipendenti lavora in remoto durante la pandemia di Covid-19.

Un altro 15% degli intervistati ha dichiarato che il 61-80% dei dipendenti lavora in remoto in questo momento. L'indagine Gartner ha anche evidenziato che molti dipendenti stanno pianificando di lavorare in remoto più spesso in futuro.

Mentre il 30% dei dipendenti coperti dal sondaggio ha lavorato in remoto almeno parte del tempo prima della pandemia, l'analisi di Gartner mostra che dopo la pandemia il 41% dei dipendenti probabilmente lavorerà in remoto almeno in parte. In sostanza, è l’analisi di Gartner, la pandemia di Covid-19 ha portato molti dipendenti a pianificare di lavorare in un nuovo modo che non avevano mai considerato in precedenza.

Sebbene i remote worker siano altamente produttivi, sottolinea ancora Gartner, il rischio di turnover è molto più elevato. Un sondaggio Gartner del 1Q20 su oltre 5.000 dipendenti ha rilevato che il 48% di quelli che lavorano completamente in remoto mostra un elevato sforzo discrezionale, rispetto al 35% dei dipendenti che non lavorano mai in remoto.

Lo stesso sondaggio ha rivelato che la percentuale di dipendenti che manifestano l'intenzione di rimanere con il loro attuale datore di lavoro è di 13 punti percentuali più elevato tra coloro che non lavorano mai in remoto.

Con l'attuale emergenza sanitaria, molti dipendenti lavorano in remoto per la prima volta e lo stanno facendo a tempo pieno. Al contempo, i manager devono dirigere dipendenti e team remoti e molti di loro non lo hanno mai fatto.

dipendenti in remoto Gartner

Per aiutare le organizzazioni a gestire i remote worker durante la pandemia di Covid-19, Gartner ha sviluppato il modello NEAR, dalle iniziali (in inglese), fatto di quattro passaggi:

  1. Normalize Self-Direction
  2. Enable New Relationships
  3. Accentuate the Positive
  4. Revamp Team Expectations

1. L'analisi di Gartner rileva che i due quinti dei dipendenti remoti desiderano un lavoro più autonomo. I manager devono fidarsi dei propri dipendenti e passare dal dirigere il loro lavoro al coaching verso il successo. Per fare ciò, i manager dovrebbero concentrarsi sul prodotto e sui risultati del lavoro dei dipendenti piuttosto che sui processi.

2. Il Gartner ReimagineHR Employee Survey, del 4Q19, ha rivelato che il 41% degli intervistati non si sente connesso ai colleghi e il 26% dei dipendenti si sente isolato quando lavora in remoto. I manager devono lavorare con le risorse umane per apprendere i segni di sofferenza in modo da poterli riconoscere tra i loro riporti diretti e colleghi.

3. I dipendenti che lavorano completamente in remoto hanno quasi il doppio delle probabilità di ricevere un feedback correttivo (che si concentra su comportamenti non di successo), il più delle volte. Per promuovere la comunicazione bidirezionale, i manager dovrebbero concentrarsi sul rendere le discussioni con i dipendenti remoti aperte, basate su prove e lungimiranti. I manager dovrebbero anche assicurarsi di riconoscere cosa sta succedendo, citando esempi specifici.

4. Molti leader hanno ipotizzato che la maggior parte delle persone che lavorano in remoto siano collaboratori individuali, tuttavia l'analisi di Gartner mostra che i dipendenti completamente remoti hanno una probabilità 3,5 volte maggiore di lavorare tra cinque o più team. È fondamentale per i manager, secondo Gartner, stabilire le aspettative con i singoli membri del team e in modo più ampio con il gruppo di lavoro, per garantire contributi individuali efficaci e la collaborazione del team. I manager dovrebbero anche enfatizzare gli obiettivi individuali e di gruppo in queste conversazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome