La Siae, Società Italiana degli Autori ed Editori, ha annunciato una partnership con Algorand per lo sviluppo di un nuovo ecosistema open per la gestione dei diritti d’autore basato sulla piattaforma blockchain che Algorand ha lanciato di recente. 

Siae aveva già avviato precedentemente lo sviluppo del progetto, con il supporto dell’Università La Sapienza di Roma e della startup Blockchain Core, basandosi su Hyperledger.

La Società Italiana degli Autori ed Editori ha ora deciso di focalizzarsi sulla piattaforma di Algorand per la sua natura pubblica by design e per le sue performance elevate, ha spiegato Siae.

La partnership nasce sulla base di una visione comune delle due realtà. Sia Algorand che Siae, sottolinea quest’ultima nel descrivere la collaborazione, sono convinte che la gestione del diritto d’autore si servirà della tecnologia blockchain, in un futuro ormai vicino.

La collaborazione, nelle intenzioni di Siae, permetterà di evolvere e potenziare gli strumenti e i servizi per la gestione del diritto d’autore, fino a crearne di nuovi, più open e accessibili, migliorando ulteriormente l’attività di intermediazione dal punto di vista dell’efficienza.

Algorand è una blockchain completamente decentralizzata, sicura e scalabile, che fornisce una piattaforma comune per la costruzione di prodotti e servizi per un'economia borderless.

È stata fondata nel 2017 da Silvio Micali, professore del Mit le cui ricerche si sono specializzate nella crittografia e che, nel corso della carriera, ha ricevuto diversi prestigiosi premi, tra cui un Premio Turing con Shafi Goldwasser per i contributi nel campo della crittografia e della teoria della complessità.

Algorand utilizza un protocollo proof-of-stake (PoS) puro che garantisce decentralizzazione, scalabilità e sicurezza, rendendolo particolarmente adatto, sottolinea Siae, a gestire in modo affidabile tutti i metadati e le transazioni necessarie per una corretta gestione dei diritti. È recente l’introduzione dell’aggiornamento del protocollo Algorand 2.0, che espande ulteriormente le funzionalità e le capacità della piattaforma

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome