Pronta la beta del portale dei dati europeo

European_Data_PortalPer favorire l’accessibilità e il valore degli Open Data in tutti i Paesi, l’Ue ha lanciato la versione beta del portale dei dati europeo su cui sono, al momento, disponibili oltre 240mila dataset referenziati e oltre 13 categorie di classificazione dei contenuti, che spaziano dalla salute o l’istruzione al trasporto, la scienza e la giustizia.

Obiettivo del portale: consentire, in un mondo di persone e cose sempre connesse, a cittadini, aziende e organizzazioni di poter visualizzare i dati in modo migliore, più veloce e completo per sostenere il processo decisionale.
La denominazione Open Data si riferisce, infatti, alle informazioni raccolte, prodotte o pagate dagli enti Pubblici che possono essere liberamente utilizzate, modificate e condivise da chiunque per qualsiasi scopo.

Un patrimonio non da poco, se è vero che, per il periodo 2016-2020, Capgemini Consulting stima che le dimensioni del mercato europeo diretto degli Open Data sarà pari a 325 miliardi di euro.
Interpellata dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Connecting Europe Facility, la divisione di Capgemini Group che si occupa di consulenza strategica e trasformativa sostiene che gli Open Data sono in grado di creare valore economico in modi diversi.
All’interno di “Creating Value through Open Data: Study on the Impact of Re-use of Public Data Resourcescondotto negli EU28 più Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e comunemente indicati dalla sigla EU28+, emerge come l’impiego efficace degli Open Data potrebbe, ad esempio, far risparmiare 629 milioni di ore di inutile attesa sulle strade dell’UE e contribuire a ridurre il consumo di energia del 16%.
Inoltre, i risparmi accumulati sui costi per le Pubbliche amministrazioni che utilizzeranno gli Open Data nei paesi EU28+ dovrebbero raggiungere 1,7 miliardi di euro.

Ma per poter sfruttare questi vantaggi, è necessario che gli Open Data raggiungano un alto livello di maturità.
Quello che, al momento, manca, visto che, sempre in occasione del lancio dello European Open Data Portal, un secondo rapporto intitolato “Open Data Maturity in Europe 2015: Insights into the European state of play” dimostra che i Paesi EU28+ hanno completato solo il 44% del percorso verso la piena maturità degli Open Data e che esistono grandi differenze tra i vari Paesi.

Condotto ancora da Capgemini Consulting utilizzando disponibilità dei dati e maturità del portale quali indicatori chiave, lo studio dimostra come solo un terzo (32%) dei Paesi europei riconosciuti a livello mondiale sta adottando solide politiche, norme per la gestione delle licenze, buon traffico sul portale e iniziative locali per promuovere gli Open Data e il loro riutilizzo.

Utilizzati come base su cui costruire una rete di esperti europei e sviluppare strategie per l’attività nazionale di promozione degli Open Data, dopo questa prima valutazione europea sono ora attesi i risultati di una serie di tre studi annuali in programma per il 2016 e il 2017.
Per realizzarla Capgemini adotterà, come per i primi due studi, un approccio olistico che considera gli ambienti politici favorevoli agli Open Data, l’impatto previsto, lo sviluppo di portali e la loro maturità, nonché i principali ostacoli che devono essere affrontati.

Da qui le raccomandazioni fornite dai report già pubblicati al fine di accelerare l’adozione degli Open Data nei Paesi EU28+, tra cui aumentare la conoscenza degli stessi tra i cittadini e le aziende; adottare per gli Open Data un modello di costo gratuito e aggiungere funzionalità base ai portali in modo da incoraggiarne il riutilizzo; massimizzare l’impiego di analytics del sito allo scopo di conoscere meglio la tipologia di utenti e le loro finalità di utilizzo per ottimizzare i contenuti e i servizi offerti; misurare il successo di un’iniziativa Open Data per aiutare a identificare i benefici e i margini di miglioramento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here