Home Apple Pmi del software: Apple riduce la commissione dell’App Store

Pmi del software: Apple riduce la commissione dell’App Store

Abbiamo dato voce anche sulle nostre pagine all’opinione di molti sviluppatori indipendenti sulla cosiddetta “Apple tax”, in relazione alla policy Apple secondo cui per gli acquisti di app sul suo App Store gli sviluppatori incassano il 70% del ricavato della vendita e Cupertino trattiene una commissione del 30%.

Commissione che viene applicata sia al ricavato delle app a pagamento sia nel caso di acquisti in-app effettuati all’interno di quelle scaricate gratuitamente.

A questo riguardo, così come per la gestione delle app che prevedono la sottoscrizione di un abbonamento per fruire di determinati servizi, Apple è intervenuta a modificare le regole dell’App Store, ma finora i cambiamenti non hanno convinto del tutto i critici di queste policy.

Ora a Cupertino sembra che abbiano deciso di fare un passo più concreto e significativo per venire incontro alle richieste delle software house più piccole. Perché, come fanno notare molti sviluppatori indipendenti, se da un lato ci sono i giganti della tecnologia che accumulano grandi profitti, le imprese innovative di piccole dimensioni non sempre possono fare conto su lauti guadagni, e anzi spesso succede il contrario.

Apple ha dunque annunciato un programma che punta ad aiutare le piccole imprese e gli sviluppatori indipendenti: il nuovo App Store Small Business Program offre una riduzione della commissione sulle app a pagamento e sugli acquisti in-app sull’App Store. L’agevolazione non è per tutti, ma è indirizzata alle attività di piccole dimensioni: per partecipare al programma e aver diritto a una commissione ridotta al 15% gli sviluppatori dovranno aver incassato ricavi fino a 1 milione di dollari nell’anno precedente.

Apple app store

Secondo Apple, grazie alla commissione ridotta i piccoli sviluppatori e gli aspiranti imprenditori e imprenditrici avranno più risorse su cui investire per far crescere la loro attività nell’ecosistema dell’App Store, in un periodo di sfide causate dalle ombre della crisi economica globale e dalle difficoltà provocate dalla pandemia.

Apple ha preannunciato che i dettagli del programma saranno comunicati a inizio dicembre, tuttavia ha anticipato quelli che sono i semplici criteri per la partecipazione al programma:

  1. Potranno partecipare e aver diritto alla commissione ridotta gli sviluppatori già esistenti che nel 2020 hanno guadagnato fino a 1 milione di dollari per tutte le loro app, e gli sviluppatori non ancora registrati sull’App Store.
  2. Se uno sviluppatore supera la soglia di 1 milione di dollari, per la parte restante dell’anno sarà applicata la percentuale di commissione standard.
  3. Se i guadagni di uno sviluppatore scendono al di sotto della soglia di 1 milione di dollari in un anno successivo, potrà rientrare nei criteri per avere la commissione al 15% l’anno seguente.

Per le app che vendono prodotti e servizi digitali e realizzano ricavi superiori a 1 milione di dollari, definiti come guadagni post-commissione dello sviluppatore, continua a essere applicata la percentuale di commissione standard dell’App Store, il 30%.

Tim Cook, CEO di Apple, ha commentato l’iniziativa dicendo che: “Le piccole imprese sono la spina dorsale dell’economia globale e il cuore pulsante dell’innovazione e dell’opportunità nelle comunità di tutto il mondo. Con il lancio di questo programma, vogliamo aiutare le piccole imprese a scrivere il prossimo capitolo nella storia di creatività e successo dell’App Store, e a creare le app di qualità che i nostri clienti amano. L’App Store è un motore di crescita economica senza eguali che ha creato milioni di nuove opportunità di lavoro e un percorso verso l’imprenditorialità accessibile a chiunque abbia una buona idea. Il nostro nuovo programma porta avanti questo successo, aiutando gli sviluppatori a finanziare le loro piccole imprese, assumersi rischi per nuove idee, ampliare i loro team, e continuare a creare app che arricchiscono la vita delle persone”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php