Pericolo liquidazione per Cto

Il consiglio di amministrazione rinvia al 9 settembre l’approvazione del piano di rilancio. Ma ammette che la continuità aziendale è a rischio

1 settembre 2003 Acque agitatissime dalle parti di Cto. Il Cda ha rinviato al 9 settembre la decisione sull'approvazione del piano triennale e sul bilancio. “Nell'elaborazione del nuovo piano industriale per il rilancio del Gruppo - recita un comunicato della società bolognese -, si ritiene che lo stesso debba essere organizzato e sviluppato secondo logiche di razionalizzazione societaria, individuazione di asset idonei a generare cassa, drastica riduzione delle spese generali e riscadenziamento del debito bancario. Il consiglio d'amministrazione proporrà inoltre un rafforzamento patrimoniale della società e del Gruppo”. In assenza però di un piano che presenti i requisiti di sostenibilità finanziaria, coerenza e attendibilità la società ammette che il Cda potrebbe trovarsi costretta a deliberazioni obbligatorie e in “in estrema ratio di liquidazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome