Peregrine taglia 1.400 posti di lavoro

Lo specialista di software infrastrutturale taglia quasi la metà della propria forza lavoro e chiude alcuni uffici, nel tentativo di contenere i costi.

Lo specialista di software di gestione delle infrastrutture di e-business Peregrine Systems sembra passare un periodo decisamente incerto. Dopo essere stata costretta a cedere Remedy, lo specialista di Crm acquisito solo un anno fa, i vertici della società hanno annunciato in questi giorni drastici tagli del personale e nuove misure di contenimento dei costi. Nei prossimi giorni il 48% dei lavoratori in forza agli uffici statunitensi di Peregrine (1.500 sui 2.900 totali) sarà licenziato e molte sedi operative della società saranno chiuse. "Noi dobbiamo necessariamente prendere provvedimenti, nel tentativo di riallineare la nostra situazione alle mutate condizioni del mercato - ha commentato Gary Greenfield, neo Ceo di Peregrine Systems -. Intendiamo, tuttavia, rassicurare i nostri clienti perché tutte le azioni intraprese di recente avranno un impatto minimo sul livello di servizio che la nostra azienda offre". I vertici della società, va ricordato, alcuni mesi fa hanno ammesso di aver "gonfiato" i valori di bilancio e, proprio per questo motivo, Peregrine è stata assoggettata a un'indagine formale della Securities and Exchange Commission americana. Solo poche settimane fa era stato deciso un cambio dei vertici ed era stata avviata una ristrutturazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome