Home 01net Focus Perché i CIO vogliono le infrastrutture convergenti

Perché i CIO vogliono le infrastrutture convergenti

I CIO stanno guardando alle converged infrastructure, ossia a sistemi completamente integrati con server, storage e rete, per essere agili e veloci nella gestione.

A tal proposito, Gartner prevede che la spesa per i sistemi convergenti (cresciuta del 19% rispetto all’anno scorso) possa arrivare a 20,4 miliardi di dollari entro il 2019. Praticamente un quarto degli investimenti nei datacenter.

Per Giulio Brenna, presales manager di EMC Italia il trend è ovviamente rilevante ed è importante capire quali siano i fattori chiave che spingono le aziende a trasformare i datacenter, passando dall’avere team di risorse di rete, storage e server separati a disporre di risorse capaci di gestire centralmente tutte queste tecnologie in un solo sistema.

Per Brenna i motivi che spingono i CIO a intraprendere questo passaggio sono riassumibili in 6 fattori di accelerazione della convergenza, dicendosi certo che troveranno anche altri fattori di stimolo per implementare una converged infrastructure.

Tagliare il costo della gestione IT e accrescere la capacità di scalabilità

Probabilmente è il più comune catalizzatore per l’implementazione delle converged infrastructure. Molti team IT passano fino all’80% del loro tempo unicamente gestendo la normale operatività o, come si dice in gergo, per tenere le luci accese del datacenter. Automatizzare e semplificare queste funzioni risulta essere la chiave per una maggiore produttività per le aziende che aspirano a una maggiore digitalizzazione.

Supportare il team di sviluppo

Oggi è  più difficile tenere il passo con le richieste di applicazioni da parte dei nativi digitali cresciuti sui social network e dare i servizi che richiedono risposte in tempo reale su molteplici canali di contatto. Per soddisfare queste esigenze i team di sviluppo sono chiamati ad abbreviare i cicli di test. Perciò l’automazione di alcuni processi garantiti dalle converged infrastructure può sicuramente giocare un ruolo decisivo.

Avere un’infrastruttura che permette di scalare in modo agile

Gli investimenti nelle infrastrutture convergenti non iniziano tutti con dozzine di nodi e centinaia di terabyte di storage. Spesso i progetti prendono avvio con una semplice implementazione e quando un’applicazione ha completato la fase di test può essere passata produzione utilizzando la stessa infrastruttura. Ciò è reso possibile dalle converged infrastructure in quanto consentono di scalare in modo veloce e trasparente con l’introduzione a caldo di più nodi. Senza dover quindi spostare l’applicazione da un ambiente test e sviluppo a un ambiente produzione, si velocizza di fatto la distribuzione, facendo in modo che i team IT siano in grado di soddisfare le richieste dinamiche del business.

Supportare un nuovo tipo di applicazione-servizio che richiede scalabilità

Il più comune esempio di questa situazione è rappresentata dall’infrastruttura virtual desktop (VDI), che offre mobilità e velocità alle aziende senza sacrificare la sicurezza. Le prestazioni e la richiesta di scalabilità della VDI sono così alte che le organizzazioni non possono permettersi di perdere tempo e risorse nella gestione operativa. Le infrastrutture convergenti sono l’elemento chiave per eliminare le spese necessarie per rendere la VDI praticabile ed efficace nel sostenere nuovi modelli per la produttività dei dipendenti.

Ridurre il rischio nell’infrastruttura operativa spostando i servizi nel cloud

Il cloud è sempre più visto come la scelta migliore quando si costruisce una nuova infrastruttura, da un punto di vista della mitigazione dei rischi. I servizi di public cloud tendono però a introdurre complessità intorno agli elementi di controllo di cui i CIO necessitano per determinare i livelli di servizio per nuove applicazioni. Le converged infrastructure possono fornire un’ampia piattaforma su cui costruire un hybrid cloud, dando ai CIO un controllo completo del profilo di rischio di ogni applicazione.

Aggiornare un’applicazione e alcune infrastrutture esistenti a fine ciclo

La situazione è più comune nelle aziende medie, dove è possibile sincronizzare l’aggiornamento di software e hardware. Le infrastrutture convergenti sono spesso implementate nello stesso momento in cui un significativo aggiornamento applicativo è richiesto.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php