Home Digitale La PEC e il nuovo protocollo TLS 1.2: ecco come verificare i...

La PEC e il nuovo protocollo TLS 1.2: ecco come verificare i propri sistemi

Aruba ha lanciato una campagna di comunicazione studiata per informare tutti gli utenti che possiedono una casella PEC, allo scopo di invitarli a verificare la compatibilità dei propri sistemi operativi, browser e applicativi di posta con la versione aggiornata del protocollo di trasmissione sicura TLS 1.2

Come richiesto dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) a tutti i Gestori PEC, è necessario dismettere tutti i protocolli precedenti alla versione TLS 1.2 entro il 21 ottobre 2019. Pertanto è utile assicurarsi che i sistemi operativi, i browser e i client di posta degli utilizzatori di caselle PEC siano compatibili con la versione 1.2 o con le successive: in sintesi, la versione 1.2 o le successive stanno sostituendo le versioni precedenti – TLS 1.0 e 1.1 – e saranno le uniche ad essere compatibili con l’utilizzo delle caselle PEC.

In ambito di sicurezza nella trasmissione dei messaggi, il protocollo TLS 1.2 per la PEC garantisce la massima affidabilità, fin dal momento in cui la comunicazione viene inviata, quando cioè il messaggio viene protetto da crittografia e firma digitale da parte del Gestore di Posta Elettronica Certificata del mittente.

Aruba ha deciso, quindi, di mettere a disposizione una guida specifica all’indirizzo web verifica.pec.it e una serie di contenuti utili a tutti i clienti che, in questo modo, possono assicurarsi che i propri sistemi siano aggiornati e compatibili, prevenendo eventuali problemi di accesso.

La PEC, in quanto certificata, dispone di livelli di sicurezza superiori rispetto alla posta tradizionale. La consapevolezza nell’utilizzo della PEC sta gradualmente aumentando e questo è anche merito della collaborazione tra Gestori e Autorità competenti in materia di sicurezza e soprattutto degli utenti stessi che hanno imparato a beneficiare dei vantaggi della PEC rispetto ai mezzi di comunicazione tradizionali.

Tutto ciò sta contribuendo alla diffusione di questo strumento che, secondo gli ultimi dati pubblicati da AgID (marzo-aprile 2019), si attesta su oltre 10 milioni e mezzo di caselle attive in Italia e quasi 427 milioni di messaggi certificati scambiati nel bimestre relativo.

1 COMMENTO

  1. Buonasera.
    Ho difficoltà con outlook . Nello specifico dopo l’invio /ricezione compare sul video la finestra di errore.
    Un dubbio, quanto lavro con pec (Aruba) devo inserire la pennetta necessaria per la firma digitale?
    Grazie anticipatamente. Attendo una vostra risposta

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php