Home Prodotti Mobile Panasonic, il futuro del mobile è sempre più rugged

Panasonic, il futuro del mobile è sempre più rugged

Il lavoro moderno è sempre più versato allo smart working e alla mobilità, e i device rugged troveranno sempre più spazio: ne è convinta Panasonic, che di questa nicchia di mercato è uno dei player più attivi.

Abbiamo parlato con Ali Oktay Ortakaya, Regional Manager per Italia, Europa Orientale e Turchia di Panasonic Computer Product Solutions Europe, delle prospettive e degli scenari di mercato.

Il mercato italiano vede Panasonic occupare una piccola quota del totale complessivo; tuttavia nel segmento rugged la posizione della società giapponese è decisamente invidiabile.

Panasonic sta anche esplorando con decisione il mondo dei rugged mobile device e in questo segmento l’Italia si rivela molto ricettivo, in particolare nel mondo B2B e in diversi verticali, come il mercato militare.

Sono numerosi i settori in cui l’azienda sta comune riscontrando importanti consensi: utility, manifatturiero, trasporti, healthcare

Sulla scorta di questi positivi feedback, Panasonic ha deciso di impegnarsi attivamente sia nel Paese stesso che nel canale: sebbene i numeri attuali non siano ancora rilevanti, il manager turco ha affermato con decisione che le aspettative sull’Italia sono molto alte, e per questo dedica molto tempo allo sviluppo del business.

Ali Oktay Ortakaya si è soffermato sull’importanza dei partner di canale.

Infatti, è evidente che i system integrator godano della fiducia dei propri clienti, e per il mercato dei device ruggedized è molto importante. Un cliente che si rivolga a questo tipo di strumenti richiede una totale affidabilità, e chi meglio di un system integrator per suggerire la soluzione più congeniale?

Panasonic propone un go-to-market molto flessibile: in particolare la formula opex si rivela molto adatta al mono delle Pmi secondo Ortakaya.

Infatti, spesso le Pmi non possono contare su budget di spesa dedicati, oppure sono restie ad investire in questo campo: sapere di pagare solo un canone di noleggio (peraltro facilmente detraibile) è un evidente vantaggio.

La società giapponese, inoltre, ogni 3 anni rinnova il parco macchine noleggiato, garantendo ai propri clienti un refresh tecnologico più che adeguato.

In conclusione, il manager ha voluto ricordare il rapporto bidirezionale con i clienti, per Panasonic un punto di orgoglio: ascoltare le loro esigenze e indirizzare verso le soluzioni più idonee fa parte da sempre del Dna aziendale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php