Palmari, Intel cala un tris di processori

La società lancia nuovi modelli a tecnologia Xscale. Il PXA263 integra in un unico packaging il core e la memoria in modo da diminuire lo spazio occupato fino al 70%. La disponibilità è prevista per il secondo trimestre del 2003

26 marzo 2003 Accesso wireless, Bluetooth, videocamere integrate, presentations
e altro ancora. I palmari richiedono sempre più potenza perché sempre
più sono gli ambiti applicativi di riferimento. E Intel spinge sull'acceleratore
presentando tre nuovi processori della famiglia Xscale la cui
produzione in volumi è prevista per il secondo trimestre di quest'anno.
Si tratta del PXA263, PXA260 e PXA255.
Il primo si caratterizza per raggruppare i chip di processore e di memoria in
un unico packaging di sistema. Secondo quanto comunicato da Intel, quest'architettura
garantisce un risparmio di spazio fino al 72% rispetto ai precedenti
prodotti stand alone, il che permette ai produttori di mettere a punto nuove funzionalità
e caratteristiche all'interno dei PDA (decodifica di video Mpeg4, riconoscimento
vocale, videogame e quant'altro). Il PXA263 viene in proposto in
tre frequenze
(200, 300 e 400 MHZ) con 32 MB di memoria StrataFlash
Il PXA260 è invece un dispositivo stand alone
senza memoria integrata disponibile anch'esso in tre frequenze: 200, 300
e 400 MHz. Risulta compatibile a livello di pin con gli altri componenti della
famiglia PXA26x ed è caratterizzato da dimensioni inferiori di
circa il 53% rispetto ai precedenti processori stand alone. Per l'esattezza
il chip misura 13x13x1,4 mm contro i 17x17x1,75 mm dei predecessori.
Aumento delle prestazioni e ridotto consumo dell'energia sono invece le
novità del PXA255 che va a sostituire il PXA250. Intel
ha raddoppiato la velocità del bus del sistema interno per migliorare le
prestazioni e ha ridotto la tensione di funzionamento della tecnologia
a 1,3 V a 400 MHz. Secondo la casa di Santa Clara questo si traduce in un risparmio
energetico superiore al 30% in modalità esecuzione e di oltre il 60% in
modalità idle.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here