Home Cloud OVHcloud e Google Cloud: dove porterà la partnership

OVHcloud e Google Cloud: dove porterà la partnership

OVHcloud aveva annunciato lo scorso 10 novembre l’avvio una partnership strategica con Google Cloud per accelerare la trasformazione digitale delle aziende europee, dando loro tecnologie costruite su un’infrastruttura affidabile per aiutarle a soddisfare le esigenze di controllo rigoroso dei propri dati, di sicurezza, trasparenza e privacy nell’implementazione di applicazioni cloud native“.

Per farlo, spiegava una nota di OVHcloud, la società di Roubaix introdurrà una nuova offerta di Hosted Private Cloud che contemplerà  la tecnologia open source Anthos di Google, nella propria infrastruttura dedicata altamente scalabile, completamente operata e gestita in Europa dai propri team.

Il contesto era dunque quello della necessità che hanno i cloud provider di proteggere i dati dei clienti in modo più trasparente, evidenziando la necessità di adottare maggiori livelli di sicurezza e privacy, ispezionabilità e conservazione.

Sylvain Rouri, CSO di OVHcloud

La partnership fra OVHcloud e Google Cloud va in questa direzione, basandosi su open source, trasparenza, interoperabilità e reversibilità. OVHcloud e Google Cloud metteranno in campo le rispettive tecnologie e competenze per costruire soluzioni congiunte che consentano ai clienti di beneficiare di tutti i vantaggi di un approccio multicloud e aperto, oltre a guidare l’importante ecosistema di sviluppatori di terze parti.

Abbiamo affrontato la questione con Sylvain Rouri, CSO di OVHcloud chiedendo delucidazioni in merito alla partnership.

Quando nasce l’idea della partnership con Google Cloud e in quanto tempo si concretizza?

Le discussioni sono iniziate quest’estate, abbiamo in programma di testare il prodotto con clienti selezionati nella primavera del 2021 e di lanciarlo sul mercato la prossima estate. Da due mesi abbiamo team dedicati da entrambe le parti che lavorano congiuntamente e si riuniscono più volte la settimana per adattare lo Stack Anthos a questa nuova offerta.

Si tratta di mettere il primo tassello di un sistema multicloud? In caso affermativo dovrebbero partecipare anche alti big cloud provider?

Per questa nuova offerta specifica, sia i pannelli di controllo sia i pannelli dati risiederanno esclusivamente nei data center di OVHcloud e saranno implementati/gestiti da personale di OVHcloud. Anthos può essere fruito in molteplici altri modi (su GCP, Azure, AWS e in aggiunta in versione personalizzata su vSphere o Baremetal) ma queste altre offerte Anthos si basano tutte su un pannello di controllo GCP e su un abbonamento. Avere gli stessi componenti chiave che si comportano allo stesso modo ed esporre le stesse API faciliterà sicuramente un cliente che desidera adottare un approccio multicloud.

Cambierà qualcosa nel vostro approccio alla logica della cloud region, che al momento non vi vede impegnati direttamente?

Il primo perimetro dell’offerta sarà disponibile attraverso i nostri datacenter francesi, ma miriamo ad estendere progressivamente questa soluzione ad altri datacenter OVHcloud.

È importante ricordare che abbiamo già molte offerte IaaS, oltre che, ad esempio, un’offerta cloud opensource per Kubernetes disponibile in più continenti e in diversi paesi europei.

OVHcloud sta seguendo attentamente il suo piano di sviluppo e continuerà ad investire in nuove infrastrutture in Europa. In questa fase è prematuro fornire date e dettagli sui nostri piani per l’Italia.

Anche Google Cloud progetta data center. Potrete unire le competenze anche su questo?

No: com’è noto OVHcloud è un player unico con un approccio verticale che va dalla progettazione e assemblaggio dei server alla costruzione del nostro data center con un modo unico di operare. Questo approccio ci permette di raggiungere prestazioni eccezionali e non è nostra intenzione collaborare con Google in questo ambito.

Anche altre aziende sono interessate ad accedere al nostro modello unico di data center e noi le serviamo attraverso la nostra offerta DCaaS (Data center as a Service).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php