Google Cloud Anthos

A pochi mesi di distanza dalla introduzione di Anthos, Google Cloud ha aggiunto nuove funzionalità a questa piattaforma basata su tecnologie open source che facilita la creazione, l’esecuzione e la gestione di applicazioni ibride di nuova generazione, in ambienti on-premise o cloud.

Anthos è stato progettato da Google come strumento che possa supportare le aziende nel loro impegnativo percorso di modernizzazione delle applicazioni. Per decenni infatti, sottolinea Google, le organizzazioni hanno creato ed eseguito applicazioni nei propri data center locali e in anni recenti hanno iniziato il deploying nel cloud, ma molte ancora non sono pronte per spostare tutto e completamente nel cloud.

Anthos è una piattaforma di servizi che offre la flessibilità di esecuzione in qualsiasi ambiente, sia esso nativo del cloud o basato su macchine virtuali, al fine di aiutare le aziende ad affrontare queste sfide.

Google Cloud AnthosPer semplificare ulteriormente questo viaggio di modernizzazione delle applicazioni, Google Cloud ha ora aggiunto nuove funzionalità ad Anthos.

Anthos Service Mesh serve a connettere, gestire e rendere sicuri i microservizi. Le organizzazioni considerano sempre più le architetture di microservizi come modo essenziale per modernizzare le applicazioni, ma passare da applicazioni monolitiche a un gran numero di microservizi aumenta la complessità operativa.

Per risolvere questo problema, è possibile utilizzare una Service Mesh, una mesh di servizi: un layer di astrazione che fornisce un modo uniforme per connettere, proteggere, monitorare e gestire i microservizi. Una service mesh utilizza proxy leggeri e ad alte prestazioni per offrire sicurezza, resilienza e visibilità alle comunicazioni dei servizi, lasciando liberi gli sviluppatori di occuparsi della loro attività core: creare applicazioni. Una mesh di servizi, inoltre, consente di gestire il ciclo di vita e le policy, per fornire applicazioni basate su microservizi sicure e facili da gestire.

Anthos Google CloudAnthos Service Mesh è un’offerta gestita, attualmente in Beta, che semplifica l'aggiunta di questo livello di astrazione all’ambiente della propria azienda. La funzionalità è basata sulle API open di Istio e consente di gestire e proteggere facilmente il traffico tra servizi tramite un'interfaccia di amministrazione unificata e mediante controlli del traffico uniformi. Inoltre Anthos Service Mesh offre una completa visibilità del traffico delle applicazioni, migliorando in tal modo l’attività di sviluppo e il troubleshooting di questi ambienti complessi.

La seconda novità è Cloud Run per Anthos, che consente di eseguire facilmente carichi di lavoro stateless su un ambiente Anthos completamente gestito.

Il serverless computing offre numerosi vantaggi, sottolinea Google Cloud: la capacità di eseguire workload senza doversi preoccupare dell'infrastruttura sottostante, di eseguire codice solo quando necessario, di scalare automaticamente in base al traffico; il tutto racchiuso in una esperienza di sviluppo semplice.

Questo tipo di esperienza arriva ora su Anthos attraverso Cloud Run, anch’esso al momento in versione beta. Cloud Run per Anthos è basato su Knative, una API open e ambiente di runtime,  e aiuta a scrivere codice come gli sviluppatori sono abituati a fare, senza dover imparare concetti avanzati di Kubernetes. Cloud Run applica le best practice e fornisce una profonda integrazione con Anthos, offre inoltre la flessibilità di poter eseguire i carichi di lavoro su Google Cloud o in locale, con la stessa esperienza coerente.

Oltre a queste due nuove funzionalità, ci sono altri miglioramenti e potenziamenti, come il fatto che Anthos Config Management ora includa funzioni che consentono ai team di automatizzare e applicare policy specifiche per l'organizzazione. Binary Authorization, in più, aiuta a garantire che solo le immagini verificate e convalidate siano integrate nel processo di build-and-release.

Google Cloud è infine al lavoro per espandere l’ecosistema di partner di Anthos.

Maggiori informazioni sulla piattaforma Anthos sono disponibili sul sito Google Cloud, a questo link.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome