Oracle: la sicurezza mobile in una suite

La società rilascia una soluzione pensata per i Cio. Perché la mobility non un silos in azienda.

Il punto di partenza è chiaro.
Il mobile rappresenta oggi una sfida non da poco per l’It.
Secondo Suhas Uliyar,vice president Mobile Strategy Product Management in Oracle, ”garantire la sicurezza delle informazioni aziendali, integrare i dispositivi personali con i sistemi aziendali, supportare dispositivi multipli sono oggi preoccupazioni costanti per i Cio”.
Preoccupazioni e sfide crescenti se è vero, come riporta di nuovo Uliya,r che già da quest’anno il 90 per cento dei Cio si aspetta di dover seguire il deployment di oltre 25 applicazioni mobili e che dal prossimo anno ”il numero e le dimensioni dei progetti mobile è destinato a superare quello dei progetti nativi su pc pc tradizionali in un rapporto di 4 a 1”.
Il problema, sottolinea il manager, è che l’approccio fin qui adottato rischia di non essere adeguato, soprattutto se il Cio guarda al mobile come a un aspetto isolato rispetto al resto dell’infrastruttura It.
”Connettere i dispositivi mobili in azienda è un processo complesso e costoso, con rischi non trascurabili in termini di compliance, soprattutto quando si parla di sicurezza”.

In questo scenario, Oracle si propone come interlocutore di riferimento in ambito mobility, non solo con il suo middleware per il mobile, ovvero con la sua piattaforma (Oracle Mobile Platform) e le sue declinazioni on premise e in cloud, ma anche con una Mobile Security Suite progettata proprio per aiutare i Cio a gestire in modalità sicura i problemi di accesso ai dati, alle applicazioni e alle risorse aziendali in mobilità.
”La nuova suite - spiega Uliyar - è stata pensata per rispondere alle esigenze e alle sfide dei nuovi ambienti mobile. Guarda al Byod, offrendo una soluzione per mantenere separati i dati personali da quelli aziendali, è una soluzione application centrica, estende il concetto di identity management arrivando alle gestione dell’intero ciclo di vita delle applicazioni, estende l’access management ai dispositivi e alle applicazioni mobili”.
Di fatto Oracle ha pensato a una soluzione che si integra con le soluzioni di Identity e Access Management esistenti, in grado di rappresentare per il Cio un unico strumento per la gestione l’accesso alle applicazioni aziendali da qualunque dispositivo, fisso o mobile. Uno srumento unico che dunque si svincola dalla logica del silos senza tuttavia perdere quei requisiti e criteri di sicurezza indispensabili.

Tra le funzionalità integrate nella suite, il geo-fencing, che consente di limitare l’accesso o ridurre le funzionalità in base alla localizzazione del dispositivo.
È poi possibile integrare controlli nelle applicazioni, così da bloccare le operazioni di copia e incolla che potrebbero compromettere la riservatezza dei dati, così come sono previsti anche controlli e cifrature applicabili ai dati presenti in locale,
La suite include client email, browser sicuro, file manager, editor di documenti e un catalogo di app mobili che il Cio può implementare come App store aziendale.
Single-sign-on supporto per PKI e Kerberos sono parimenti integrati.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome