Home Digitale Nutanix: 2022, la svolta tecnologica sarà la riduzione delle complessità

Nutanix: 2022, la svolta tecnologica sarà la riduzione delle complessità

L’intervista a Christian Turcati di Nutanix.

A distanza di un anno dal varo a livello europeo del recovery plan, che in Italia ha portato al PNRR, 01net realizza un’inchiesta, basata su un ciclo di interviste con le principali società che operano in Italia nell’ICT sulla loro strategia per la digitalizzazione delle aziende italiane nel 2022.
Parliamo con loro di quattro temi cardine della trasformazione digitale: resilienza, cybersecurity, cloud, sostenibilità ambientale e sociale e le risposte consentono di costruire la mappa di partecipazione delle realtà ICT alla crescita del Paese in senso digitale.
E c’è un tema in più, il quinto: con spirito consulenziale, chiediamo di fornire agli imprenditori italiani un’idea in più, capace di produrre valore immediato sul piano dell’efficienza e della competitività.

Per Nutanix Italia ci ha risposto il Director Systems Engineering Southern Europe, Christian Turcati.

Un anno dopo il Recovery Plan, a che punto siamo con la reale trasformazione del Paese: con quali soluzioni, competenze e servizi partecipate alle missioni del PNRR che coinvolgono il digitale?

Siamo sulla buona strada. L’accelerazione si è vista, ora dobbiamo consolidare quanto fatto e farlo diventare un modello operativo. Come Nutanix possiamo aiutare la trasformazione digitale accelerando il processo di adozione di soluzioni hybrid e multi-cloud permettendo agli operatori IT di concentrarsi dove posso dare maggiore valore e delegare alle nostre soluzioni la gestione della complessità. La piattaforma software Nutanix permette di far evolvere il proprio data center a un vero private cloud ed estenderlo in modalità hybrid e multicloud quando e secondo le esigenze. Possiamo offrire consulenza su cosa ha senso tenere nel cloud pubblico e cosa è più conveniente tenere on-premise. La piattaforma Nutanix permette da una singola interfaccia di gestire, orchestrare, automatizzare le proprie applicazioni, verificare costi e sicurezza. Possiamo inoltre aiutare i clienti che hanno esigenze di semplificare la gestione dei database e implementare soluzioni di smart working.

Il 2021 è stato l’anno in cui il tema della cybersecurity è atterrato in tutte le imprese. Quali prospettive concrete vi siete dati per il 2022?

La sicurezza è sempre stato un tema molto importante nell’ambito IT anche se non sempre affrontato con l’attenzione che richiede. Lato Nutanix è sempre stato tema di grande attenzione fin da renderlo integrato nel processo di progettazione e creazione delle nostre soluzioni. Le soluzioni Nutanix possono essere definite Secure by Design e sono certificate dai principali enti in ambito di sicurezza anche a livello militare.

Ma la sicurezza non si limita alla singola soluzione, serve integrazione tra le soluzioni e processi puntuali. Le soluzioni Nutanix offrono la possibilità di essere integrate con quelle offerte dai principali vendor in ambito di sicurezza e non solo. L’ integrazione avviene in collaborazione con gli altri produttori e in modalità nativa via API. Questo garantisce integrazione, supporto congiunto e soprattutto semplicità.

Componente fondamentale della trasformazione digitale è il cloud. Quali sono le scelte che dovranno compiere le aziende italiane nel 2022?

Il cloud come modello operativo e di sviluppo di soluzioni e applicazioni è destinato a restare ed essere il filo conduttore delle prossime evoluzioni nell’ambito IT. Come evolvere dalle attuali architetture al modello cloud è la sfida che gli operatori IT devono vincere. Evolvere dando continuità di servizio, ottimizzare i costi, garantire sicurezza, far crescere le competenze interne… sono solo alcuni dei temi che trattiamo con chi si affaccia a questa trasformazione o con chi è nel processo evolutivo e ci chiede supporto. Le soluzioni Nutanix permettono il passaggio graduale a una architettura cloud secondo i propri tempi e necessità. Spesso il primo passo è fare evolvere il proprio data center a un private cloud per poi estenderlo in modo ibrido verso il public cloud o in modo distribuito in modalità multicloud. Siamo in grado di supportare un passaggio senza cambiamenti a livello applicativo, lift and shift, che offrire la piattaforma per applicazioni cloud native. Siamo anche in grado di aiutare l’attivazione, in modello multi-cloud, di servizi come Database as a Service (DBaaS) o Desktop as a Service (DaaS)

Dopo il Cop26 si è capito che la sostenibilità, sia ambientale sia sociale, oramai riguarda non solo tutti i Paesi ma anche tutte le aziende. Qual è la vostra strategia riguardo questi temi?

Essere innovatori per Nutanix non è solo fornire nuova tecnologia ma è essere partecipi alla sostenibilità ambientale e sociale. Le soluzioni che sviluppiamo e che proponiamo al mercato sono volte a migliorare la vita delle persone che le utilizzano, avere un impatto positivo sulle attività aziendali riducendo le spese e migliorando la produttività. Grande attenzione nel ridurre i consumi elettrici e le necessità di raffreddamento e quindi la relativa produzione di CO2. L’attenzione inizia dalla fase di progettazione per seguire tutte le fasi di ingegnerizzazione fino alla messa in produzione. Diversi studi di esperti di settore hanno evidenziato il ritorno dell’investimento e i benefici nella riduzione dei costi di gestione delle soluzioni Nutanix. Molti clienti hanno riscontrato riduzioni di ingombri, consumi e tempo operativo adottando la tecnologia Nutanix. Non è difficile trovare dei post sui social di clienti Nutanix che condividono la riduzione della complessità con il risultato di non essere più costretti a lavorare di notte o nei weekend.

L’idea ICT del 2022

Se doveste proporre un unico investimento (prodotto, soluzione, metodologia) a un’azienda italiana, una scelta capace di produrre da subito un beneficio a livello di efficienza e competitività, su cosa verterebbe il vostro consiglio?

Suggeriamo un motto anglosassone: keep it simple. Oggi è possibile adottare nuove soluzioni che riducono notevolmente la complessità, offrono nativamente servizi di ottimizzazione, automazione e orchestrazione basata su sistemi di machine learning. Soluzioni Secure By Design con integrazione nativa verso altri ecosistemi.

Soluzioni aperte che permettono di integrare nuove funzionalità appena rese disponibili (CI – Continuous Integration) e che sono in continua evoluzione (CD-Continuous Deployment). Nutanix è una di queste.

A volte è solo necessario scrollarsi di dosso il modello a cui siamo abituati e sperimentare quanto altri hanno già in uso. Ora è il momento, sarebbe un peccato perdere questa occasione e perdere competitività.

Leggi tutti i nostri articoli su Nutanix

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php