Home Prodotti Sicurezza Microsoft abilita la sicurezza IoT con la acquisizione di CyberX

Microsoft abilita la sicurezza IoT con la acquisizione di CyberX

Microsoft ha annunciato la volontà di acquisire CyberX, una startup di sicurezza che si concentra specificamente sul rilevamento, arresto, e prevedere le violazioni della sicurezza su IoT e le reti di grandi organizzazioni industriali.
I termini dell’accordo non sono stati divulgati, ma rumors attendibili parlano di una cifra  attorno ai 165 milioni di dollari.

Michal Braverman-Blumenstyk, CVP, CTO, Cloud e AI Security, e Sam George, CVP, Cloud e AI Azure IoT hanno dichiarato in un blog post:
«CyberX completerà le funzionalità di sicurezza di Azure IoT esistenti e si estenderà ai dispositivi esistenti, inclusi quelli utilizzati nell’IoT industriale, nella tecnologia operativa e negli scenari infrastrutturali. Con CyberX, i clienti possono scoprire le loro risorse IoT esistenti e gestire e migliorare la sicurezza di tali dispositivi.»

L’accordo pone quindi fine a mesi di speculazione inerenti al forte interesse che Microsoft aveva manifestato nei confronti di CyberX, e danno continuità alla strategia della casa di Redmond per la sicurezza dell’IoT.
I rapporti fra le due società sono iniziati a febbraio, per poi intensificarsi a maggio. Sembra che l’intera azienda, compresi i fondatori, si unirà a Microsoft a seguito di questo accordo.

L’interesse di Microsoft per l’azienda tocca due aree chiave su cui l’azienda ha lavorato nel mondo degli ultimi anni: i servizi IT per le grandi imprese e la sicurezza informatica, in particolare la sicurezza di IoT che sfrutta l’IA per identificare e affrontare le sfide di nuova generazione.

CyberX lavora con i principali servizi energetici, operatori di telecomunicazioni, produttori chimici e altre aziende industriali che utilizzano un largo numero di dispositivi IoT. Le soluzioni di CyberX sfruttano l’analisi comportamentale e altre tecniche basate sull’IA per monitorare continuamente l’attività di rete e rilevare anomalie che potrebbero indicare violazioni.

Microsoft scommette molto sull’IoT: ha investito 5 miliardi di dollari in questa tecnologia negli ultimi due anni per creare un’ampia piattaforma IoT basata su Azure, come parte importante della strategia di sviluppo.
La sicurezza deve essere una pietra miliare importante di questa strategia: sono fin troppe le implementazioni IoT con lacune di sicurezza, patch non implementabili in sistemi mal costruiti o mantenuti che si rivelano vere e proprie backdoor e vulnerabilità nelle reti aziendali.

Microsoft aveva già un rapporto con CyberX: infatti, le due società avevano annunciato un accordo nel marzo di quest’anno per l’integrazione  della piattaforma cloud di Azure di Microsoft nell’ecosistema CyberX, in modo che i clienti CyberX che utilizzano Azure potessero continuare ad avere quei servizi coperti dai sistemi di sicurezza di CyberX, insieme al resto della loro attività di rete locale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php