Meno margini sui cellulari per Nec

In forte rallentamento il mercato giapponese: la società guarda ora alla Cina

9 luglio 2002 Meno acquisti e meno sostituzioni: queste le due cause che rischiano quest'anno di spingere al ribasso i margini di profitto di Nec. La società ha reso noto che a causa del pesante rallentamento del business della telefonia cellulare sul proprio mercato di riferimento, vale a dire quello nipponico, il margine di profitto potrebbe scendere al di sotto del 10%, enfatizzando per altro l'accesa competizione con la rivale Samsung che nel primo trimestre si sarebbe mantenuta ancora intorno al 27%.
Il rallentamento del mercato nipponico è davvero sensibile, tanto che i dati pubblicati dalla Japan Electronics and Information Technology Industries Association parlano di 11 mesi consecutivi di rallentamento e di un calo del 36% nel solo mese di aprile. Non c'è dunque da stupirsi se Nec, che diversamente da Samsung non ha una politica di continuo e rapido rinnovo dei modelli, stia cominciando a guardare con crescente interesse al mercato cinese, verso il quale intende portare prodotti competitivi, in grado però di generare ancora profitti interessanti: con tutta probabilità si tratterà già dei nuovi modelli 3G.
Quanto all'andamento generale dell'esercizio, la società pensa di vendere qualcosa di più di 11 milioni di apparati, comunque al di sotto dei 12,5 milioni venduti lo scorso anno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome