L’It in lingerie

L’on demand è la nuova suggestione. Ibm il suo profeta. Bella e possibile? Sicuramente di moda

6 febbraio 2003 Cosa non si fa per rendere attraente, sexy la
propria offerta. In qualsiasi campo dell'agire economico pare essersi affermata
la regola che il prodotto vada accompagnato con un esaltatore di sapidita'.

Che e' come dire che da solo non sa di niente: va condito. Pensiamo a
quotidiani e periodici (e per vostra fortuna non e' questo il caso) che
viaggiano ormai inseparabilmente con oggetti i piu' disparati.
La qualita'
del prodotto alla base?
Nemmeno da considerare.
Si tratta di una sfera
parallela: uno scarta e butta via, a seconda di quello che gli interessa, se la
crema antirughe o il rotocalco.
Ma pensiamo anche agli abbuoni, ai regali,
alle carte fedelta', alle case che ti regalano se compri i dentifrici.


Anche l'It non è avulsa da questa logica imperante.
Giustamente: è cosa
del mondo come tutte le altre.
E cosa si puo' fare per venirne fuori con
eleganza, cioe' stando dentro il meccanismo del marketing, ma senza scadere nel
trash?
Con il birignao che solo chi ha personalita' e storia, senso della
misura e degli affari, Ibm ha messo la lingerie alla propria proposta
tecnologica.
L'ha resa sexy, mettendosi a parlare di business on demand.

C'e' da scommettere che la scia che si portera' dietro sara' corposa,
composta anche da quelli che diranno "noi lo facevamo gia' da tempo".
Di
cosa si tratta? Di far risolvere all'utente l'equazione dei costi della
struttura It, tenendo presente che la variabile tempo esercita un'influenza
fondamentale. E quindi di semplificare il rapporto con hardware, software e
licenze con il meccanismo dell'aggiornamento della capacità su richiesta
dell'utente stesso, integrando in un prodotto, quando esce dallo stabilimento,
tutto il possibile. Dopodiche' stara' al cliente decidere cosa attivare, quando
farlo, e pagare solo se lo fa.
Sul fatto che il meccanismo sappia attrarre
l'attenzione del pubblico, Sam Palmisano ci mette la sua mano.
Noi? Noi
guardiamo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here