Le Startup chiedono attenzione al nuovo Governo

Da Italia Startup un appello al nuovo esecutivo perché traduca in azioni concrete quanto previsto dal Decreto Crescita 2.0 in termini di digitalizzazione e nuove imprese.

Il timore è che la startup cessino di essere oggetto di attenzione e azione politica da parte del nuovo Governo.
Per questo motivo, Italia Startup, l'associazione che rappresenta a livello istituzionale la filiera delle startup, vale a dire startup, investitori, aziende in cerca di innovazione, incubatori, acceleratori, business angel, ha rivolto un appello al nuovo esecutivo perché venga data continuità a quanto intrapreso dal precedente Governo tecnico.

Come ricorda il presidente dell'Associazione Riccardo Donadon, il ruolo di Italia Startup è stato importante nell' impostare i provvedimenti poi inseriti nella cosiddetta Legge “Crescita 2.0”, ma è arrivato il momento di ”dare attuazione con urgenza” a quanto in precedenza elaborato, tenendo conto che non si tratta semplicemente di ”proteggere un settore in fase di forte affermazione in Italia e in tutto il Mondo, ma piuttosto di cambiare e rinnovare la mentalità del nostro Paese”.

C'è uno stretto legame, sostiene l'associazione, tra la digitalizzazione del sistema pubblico e privato e la creazione di nuove imprese innovative: si tratta di portare valore all'ecosistema industriale, politico e sociale del Paese, aiutando nel contempo la nuova occupazione, sia giovanile sia quella che interessa manager e funzionari a rischio di perdere il loro posto di lavoro.

Si tratta di favorire l'affermarsi di nuovi modelli di business aprendo alla ”contaminazione tra modelli tradizionali e innovativi. E questi ultimi sono spesso frutto del lavoro di tante startup presenti sul territorio italiano. Le aziende consolidate, di settori maturi, soprattutto del Made in Italy, sono chiamate a investire in startup.”
“Ma per fare questo bisogna creare le condizioni per chi vuole investire, siano esse imprese o investitori”
.
Ed è questo il senso ultimo dell'appello.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here