Home Digitale L'intelligenza artificiale entra anche nei talk show televisivi

L’intelligenza artificiale entra anche nei talk show televisivi

Avremo dibattiti televisivi ricchi di intelligenza? Forse alcuni (i più?) spererebbero in talk show con maggior educazione, fatti di rispetto dei tempi, dell’interlocutore e privi di prevaricazione.  Comunque sia anche l’intelligenza è bene accetta.

Ma qui si parla di quella artificiale.

Venerdì 9 ottobre alle 19:00 orario di New York, quindi nella fascia pre-serale, su Bloomberg Television fa il suo debutto la nuova serie “That’s Debatable“, presentata in collaborazione con Intelligence Squared US e sponsorizzata da IBM, con un episodio che discute di redistribuzione della ricchezza. It’s Time to Redistribute the Wealth, è il titolo del dibattito.

Argomento sentito in tutto il mondo, dove si fanno sempre più i conti con giustizia sociale, uguaglianze (Il movimento Black Lives Matters e ancora fresco nella memoria di tutti) equità nella risposta alla crisi della pandemia. Tutte tematiche che causano una crescente disuguaglianza economica.

Da qui l’idea della necessità di un meccanismo di trasferimento di ricchezza, tesi sostenuta negli studi di Bloomberg Tv dall’ex segretario al lavoro statunitense Robert Reich e l’ex-ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis. Su posizione contraria, presenti in studio, l’ex segretario al Tesoro statunitense Larry Summers e il senior fellow del Manhattan Institute, Allison Schrager.

Girato di fronte a un pubblico virtuale, “That’s Debatable” è condotto nel tradizionale formato, “stile Oxford“, con due squadre di due esperti in materia che discuteranno su quattro round, moderati dal giornalista statunitense John Donovan, veterano dell’Intelligence Squared. Il pubblico selezionerà il vincitore interagendo in diretta.

Fin qui niente di particolarmente nuovo.

Di differente c’è invece che il dibattito sarà assistito dall’intelligenza artificiale, per dimostrare come questa possa essere utilizzata per portare all’attenzione del pubblico una gamma più ampia e diversificata di voci e opinioni.

intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale per l’inclusività

Il pubblico, infatti, può partecipare alla discussione presentando un breve argomento a favore o contro la mozione sul sito messo a disposizione da Ibm: Debatable.

Durante il dibattito il sistema Watson, utilizzerà la Key Point Analysis, una nuova capacità di Natural Language Processing (NLP) sviluppata dallo stesso team Ibm che che ha creato Project Debater, per analizzare gli argomenti presentati dagli spettatori e rispecchiare l’opinione pubblica sull’argomento del dibattito.

Come ha spiegato Daniel Hernandez, Direttore generale, Ibm Data e Intelligenza Artificiale, “La nostra ambizione per That’s Debatable è semplice: mostrare uno dei tanti modi in cui l’intelligenza artificiale può essere utilizzata per aiutare le persone a comprendere punti di vista sfumati, scoprire e far emergere intuizioni critiche e informare sul processo decisionale“.

intelligenza bloomberg

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php