Home Prodotti Sicurezza Intelligenza artificiale per la protezione dell’industria energetica

Intelligenza artificiale per la protezione dell’industria energetica

SparkCognition e Siemens hanno annunciato di aver avviato una nuova partnership su un sistema di cybersecurity: DeepArmor Industrial, potenziato da Siemens, è progettato per proteggere gli asset di operational technology (OT) lungo la catena del valore dell’energia, sfruttando l’intelligenza artificiale (AI) per monitorare e rilevare gli attacchi informatici.

Si tratta dunque di un innovativo sistema di protezione informatica basato sull’intelligenza artificiale che fornirà: antivirus di prossima generazione, rilevamento delle minacce, controllo delle applicazioni e prevenzione degli attacchi zero-day, per gli asset endpoint di generazione di energia, petrolio e gas nonché per le risorse di trasmissione e distribuzione.

SparkCognition e Siemens

Con il sistema DeepArmor Industrial, secondo SparkCognition e Siemens, per la prima volta il monitoraggio della cybersecurity viene portato a livello di flotta e le funzionalità di protezione arrivano all’industria energetica, per prevenire gli attacchi industriali.

Gli asset OT attualmente operativi sul campo, sostengono le due aziende, sono particolarmente vulnerabili agli attacchi informatici poiché gran parte dell’infrastruttura critica del settore energetico è stata ingegnerizzata prima della diffusa digitalizzazione dei sistemi di controllo industriale.

Ciò lascia delle porzioni, o addirittura intere flotte, prive della possibilità di essere patchate o aggiornate in modo cost effective, con nuove difese di sicurezza.

intelligenza artificiale SparkCognition

Tutto ciò, sottolinea Leo Simonovich, Head of Industrial Cybersecurity di Siemens, quando invece i cyber attacchi all’industria energetica sono in aumento sia in termini di volume che di raffinatezza e minacciano sempre più la sicurezza e la protezione fisica delle aziende, le operazioni di business e l’infrastruttura critica che alimenta le comunità di tutto il mondo.

Molte compagnie energetiche con risorse remote ed endpoint, evidenzia ancora Leo Simonovich, hanno faticato a difendere il proprio ambiente per la mancanza o di visibilità nel rilevamento o dell’agilità per mitigare i cyber attacchi che minacciano l’operational technology.

SparkCognition è una società specializzata in sistemi di intelligenza artificiale per le infrastrutture e questa expertise, unita all’esperienza di Siemens nel campo della cybersecurity, mira a fornire la prima soluzione del settore energetico in grado di rilevare e proteggere le risorse remote dagli attacchi informatici.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php