Ibm si muove per industry

Nel 2009 il vendor di Armonk approccerà il midmarket organizzandosi per industry. Forte il richiamo alla specializzazione per settore rivolto ai partner

As400, Acg e strumenti di finanziamento specifici sono stati fino a oggi i principali lasciapassare di Ibm all'interno della Piccola e media impresa italiana, un settore in cui il vendor continua a dimostrare di voler investire sviluppando prodotti e servizi ad hoc.


Ma per raggiungere questa fascia d'utenza disporre di soluzioni specifiche non basta, serve anche impostare una corretta strategia di vendita. Per questo, a partire dal prossimo anno, Ibm ha deciso di ottimizzare un go-to-market impostato da tempo sul doppio binario dei Business Partner, da una parte, e del sito .com, dall'altro, introducendo una modifica di rilievo nella sua organizzazione.

«Il prossimo anno - ha dichiarato Francesco Angeleri, responsabile mercato Pmi di Ibm Italia - ci organizzeremo per industry, in modo da raggiungere le prime 6/7.000 medie imprese italiane che fatturano dai 150/200 milioni di euro in su». Un'affermazione forte, che esorta i partner a sviluppare competenze settoriali specifiche, anche se il manager si affretta ad ammettere che la prossimità territoriale continuerà a fare la differenza sul mercato.


Le industry su cui Ibm intende focalizzarsi sono sei: retail, manufacturing, piccole banche/assicurazioni, media, settore farmaceutico e logistica.

«Su questi mercati - ha proseguito Angeleri - saranno come sempre attive le figure professionali di Ibm.com, una struttura che mette a disposizione per il solo mid market una quarantina di specialisti incaricati di operare da prima interfaccia con i clienti. Una volta definita la problematica da risolvere entra, poi, in gioco il gruppo dei Business Partner, con cui tradizionalmente collaboriamo per la costruzione delle soluzioni».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome