Ibm: l’opensource aprirà il cloud

Con SmartCloud Orchestrator la società punta su OpenStack. Basta isole proprietarie nell’architettura aziendale.

Ibm ha annunciato che tutti i propri servizi e software per il cloud computing saranno basati su un’architettura cloud aperta.
L’iniziativa punterà a far sì che che l’innovazione del cloud non possa essere ostacolata dall'adozione di isole di offerte proprietarie incompatibili, poco sicure e difficili da gestire.

E all’evento Pulse di Las Vegas, Ibm ha presentato la propria offerta cloud basata su open standard, incluso OpenStack, che serve a velocizzare e semplificare la gestione di un cloud aziendale.

OpenStack è un sistema operativo cloud che controlla grandi pool di risorse di calcolo, storage e networking, rese disponibili attraverso un data center, e gestite attraverso un dashboard che offre agli amministratori pieno controllo, pur consentendo ai rispettivi utenti di eseguire il provisioning delle risorse tramite un’interfaccia Web.

Il nuovo software di Ibm, SmartCloud Orchestrator, propone alle aziende flessibilità eliminando la necessità di sviluppare interfacce specifiche per diversi servizi cloud.

Così le imprese potranno rendere disponibili rapidamente, dall’infrastruttura cloud, diversi servizi combinando le risorse di calcolo, storage e rete attraverso una interfaccia grafica facile da usare.

SmartCloud Orchestrator consente di creare nuovi servizi cloud nel giro di minuti, unendo la potenza del delivery di servizi, basata su modelli pattern based, con un orchestratore grafico; ridurre i costi operativi, automatizzando il rilascio delle applicazioni e la gestione del ciclo di vita delle stesse nel cloud; semplificare la fruizione dei servizi cloud da parte dell'utente finale, grazie ad un portale self-service intuitivo, che prevede la possibilità di misurare il costo dei servizi cloud con funzionalità di contatore e di addebito.

Ibm SmartCloud Orchestrator è ora disponibile in versione beta. La disponibilità generale è prevista entro l’anno.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here