Home Apple I vertici Apple spingerebbero per far uscire il visore AR/VR entro l’anno

I vertici Apple spingerebbero per far uscire il visore AR/VR entro l’anno

I rumor sul visore di realtà mista (che combina la realtà aumentata e la realtà virtuale) di Apple sono andati intensificandosi sempre di più, negli ultimi mesi.

Congetture e indiscrezioni ipotizzano che la società di Cupertino sia al lavoro su due versioni dell’headset: una top di gamma, più avanzata, e l’altra più accessibile, che dovrebbe vedere la luce successivamente.

Come tempistica, i rumor indicano la possibilità che già entro la fine del 2023 Apple potrebbe svelare al mondo il suo visore AR/VR. Tuttavia, recenti indiscrezioni farebbero presumere che ci sia una certa diversità di opinioni a Cupertino, attorno al dispositivo di realtà mista.

Secondo un report del Financial Times, il team operations di Apple, guidato dal Chief Operating Officer Jeff Williams, vorrebbe lanciare il visore tecnologicamente più avanzato quanto prima possibile.

I componenti del team di industrial design, invece, sempre stando alla ricostruzione del Financial Times, non sarebbero d’accordo su questa timeline velocizzata e avrebbero dei dubbi sul fatto che dispositivi di questo tipo possano essere pronti per la commercializzazione già entro quest’anno.

Secondo il report del Financial Times, per il team di progettazione di Apple sarebbe meglio rimandare l’uscita del visore di realtà mista fino al momento in cui non sia possibile produrre, e quindi presentare al mercato, un modello di occhiali AR/VR che sia più leggero.

Il lancio entro l’anno di un headset AR/VR leggero e sottile non sarebbe raggiungibile dall’azienda. In un tale contesto, riporta il Financial Times, il CEO di Apple Tim Cook avrebbe appoggiato la posizione del team operation e punterebbe ad arrivare il prima possibile sul mercato, per poi iterare e migliorare progressivamente il dispositivo attraverso le generazioni successive.

Secondo il report, Cook e Williams avrebbero preso atto dell’attuale stato del mercato, ma ritengono che abbia comunque senso far uscire un dispositivo di questo genere in tempi brevi, anche se la sua prima generazione dovesse risultare meno attraente per il grande pubblico e più impegnativa dal punto di vista economico.

Il report del Financial Times sembrerebbe in qualche modo confermare l’ipotesi che anche il tech reporter Mark Gurman di Bloomberg aveva fatto: quella, cioè, del possibile lancio da parte di Apple in prima istanza di un visore di realtà mista più costoso e avanzato, nonché ingombrante, entro l’anno; e poi di una versione più leggera e vestibile più avanti, possibilmente nel 2024.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

Iscriviti alla newsletter

css.php