I datacenter? Sicuri solo sulla carta

Secondo uno studio di Gabriel Consulting Group su 147 responsabili di datacenter, c’è un divario fra percezione e realtà. Perché la sicurezza virtuale non è uguale a quella fisica.

McAfee ha rilasciato i risultati di un'indagine condotta da Gabriel Consulting Group che riporta un divario tra la percezione della sicurezza e la realtà tra i responsabili della sicurezza It aziendale.

Lo studio Datacenter Security Survey 2011 si è focalizzato sulle problematiche e sulle soluzioni di sicurezza e ha coinvolto 147 responsabili di data center aziendali.

La maggior parte degli intervistati (60%) dichiara che la direzione ritiene che la sicurezza sia più solida di quanto non lo sia effettivamente, mentre solo il 22% riporta che la direzione è a conoscenza della reale situazione della sicurezza della propria azienda.

Lo studio ha rilevato che, sebbene quasi la metà degli intervistati ritenga che la virtualizzazione e i cloud privati rappresentino una sfida di sicurezza, la maggior parte degli intervistati utilizza gli stessi strumenti per proteggere i sistemi fisici e quelli virtualizzati.

In sostanza, mentre le aziende continuano ad adottare virtualizzazione e cloud, la tecnologia di sicurezza utilizzata spesso è una replica della sicurezza delle risorse fisiche, e questo si traduce in ostacoli, come policy di rete incoerenti e falle nella sicurezza.

Difatti, quasi la metà degli intervistati ha riferito di essere costantemente alla ricerca di nuove falle di sicurezza, più del 40% ritiene che lo stato della sicurezza della propria azienda non sia al passo con le minacce, circa il 70% ha mostrato scetticismo sulla sicurezza del cloud pubblico e il 40% ha rivelato che la sicurezza nel quotidiano non è conforme agli standard richiesti dalle loro policy ufficiali.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here