<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Digitale Huawei Connect 2022: il futuro fra sostenibilità e banda ultralarga

Huawei Connect 2022: il futuro fra sostenibilità e banda ultralarga

La terza tappa del tour mondiale di Huawei Connect 2022 è iniziata oggi a Parigi. Il tema dell’evento di quest’anno è “Unleash Digital”, che riunisce di leader del settore, esperti e partner di tutto il mondo per esplorare le infinite possibilità offerte dalla digitalizzazione per un mondo sempre più evoluto e al tempo stesso inclusivo e sostenibile.

È stato il Rotating Chairman di Huawei, Ken Hu, ad aprire i lavori. La trasformazione digitale, afferma il manager di Huawei, ha visto una notevole accelerazione a causa della pandemia. Anche per questo i tradizionali processi di sviluppo non sono in grado di reggere il ritmo di una domanda in crescita, oltre a rendere quasi impossibile l’integrazione con le moderne tecnologie in campo produttivo ed industriale.

Per questo, prosegue Hu, è fondamentale eliminare quanti più colli di bottiglia possibile.

Come? Secondo il gigante cinese, grazie alle nuove e nascenti infrastrutture digitali. Le future reti 5.5G  abiliteranno ulteriormente altre tecnologie, come HPC; intelligenza artificiale e big data.

A supportare il tutto ci sarò bisogno di una più performante capacità di calcolo, differenziata per potenza di elaborazione e specializzazione: COU x86, ma anche RISC e GPU saranno fondamentali per la trasformazione digitale.

Fondamentale, prosegue il manager, l’utilizzo intensivo del cloud: “leapfrog development” è la brillante definizione utilizzata sul palco.

Un esempio davvero calzante di quanto le tecnologie citate possano essere dirompenti per l’economia nel suo complesso è quello della ricerca di farmaci sempre più efficaci: Huawei afferma che grazie alla sua tecnologia Cloud AI, lo sviluppo di nuove molecole è passata da diversi mesi di lavoro a pochi giorni. Un vero salto in avanti per un mercato che, sottolinea la società cinese, vale molte decine di miliardi di dollari a livello globale.

Un lavoro, quello proposto da Huawei, che richiede grandi sforzi anche in termini di talento. Per questo le ICT academies hanno formato oltre 4000 persone nelle 12 nazioni in cui sono presenti; Inoltre a dimostrazione della propria rinnovata impronta green, Huawei ricorda cdi aver prodotto in Europa 84 miliardi di kilowatt di energia rinnovabile, risparmiando emissioni pari a 24 miliardi di tonnellate di CO2.

A supportare le tesi proposte ad Huawei Connect ci ha pensato Franc Bogovic, presidente del RUMRA and Smart Villages Intergroup del parlamento Europeo.

Secondo Bogovic, il 2022 è stato fondamentale per lo sviluppo della trasformazione digitale, con la firma di numerosi accordi per la gestione a livello Europe delle tematiche digitali.

Tre i punti fermi indicati nel discorso di Bogovic:

  • la tecnologia deve essere al servizio della popolazione, grazie a connettività a banda ultralarga, sviluppando le infrastrutture digitali: le barriere fra popoli e anche all’interno delle stesse nazioni possono essere superate grazie alle nuove “autostrade digitali”.
  • Secondo pillar la creazione di una infrastruttura digitale di commercio; anche in questo caso la banda ultralarga sarà lo strumento fondamentale per accelerare
  • Il terzo pillar è la realizzazione di una open democracy, come definita da Bogovic, che sia basata grazie alla diffusione di connessioni internet a banda ultralarga, “che riduce e spesso annulla le distanze e minimizza le discriminazioni territoriali”

ken hu huawei
Ken Hu

Huawei e il futuro green

“Sul fronte green”, ha affermato Hu, “combiniamo la tecnologia digitale con la produzione di energia sostenibile per aiutare i nostri clienti in tutti i settori a ridurre la loro impronta di carbonio e raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo”. A partire dal 2021, Huawei ha aiutato i suoi clienti e i partner generano oltre 84 miliardi di kilowatt di energia pulita qui in Europa, riducendo le emissioni di CO2 di quasi 24 milioni di tonnellate.

“Dallo sviluppo sostenibile alla costruzione dell’ecosistema, siamo in Europa, per l’Europa”, ha concluso Hu, ribadendo l’impegno dell’azienda a lavorare al fianco dei propri clienti e partner per costruire un futuro digitale più verde.

huawei connect fibra

Le tecnologie di Huawei: innovazione concreta

I manager di Huawei ci hanno raccontato la vision della società cinese, la cui concretezza è ben presente in ogni sfaccettatura. Dalle fibre ottiche supersottili per facilitare l’installazione in edifici preesistenti, ai cavi misti fibra ottica-rame in cui viaggiano sia dati che energia per alimentare i device di rete, niente è lasciato al caso. Colpisce molto favorevolmente la chiara consapevolezza che Huawei ha dimostrato di avere delle esigenze dei propri clienti, risolvendo problemi o migliorando significativamente le performance rispetto alle tecnologie preesistenti. Huawei ha saputo rinnovarsi e reinventarsi, dopo l’ormai arcinoto ban del Governo americano.

Utilizzare un enorme know-how nel campo delle infrastrutture di rete per dare vita a nuove soluzioni e proposte tecnologiche è dote non comune. Ad esempio abbiamo visto fibre ottiche utilizzate come sensori perimetrali per rilevare vibrazioni anomale (e quindi possibili intrusioni non autorizzare), o ancora “petali” di pannelli solari con microfoni ed intelligenza artificiale, utilizzato dal WWF Italia in alcune oasi per prevenire episodi di bracconaggio o abbattimento abusivo di piante protette.

huawei connect etichetta
L’etichetta smart di Huawei

Per il mondo retail, interessante (e con clienti importanti in italia come Esselunga o Penny) la soluzione di etichette con e-ink: con pochi click dalle sedi centrali è possibile aggiornare tutti i prezzi di ogni singolo punto vendita, risparmiando un numero elevatissimo di ore lavoro. Non solo: l’etichetta è in grado di emettere segnali luminosi, indicando (ad esempio) ai clienti il prodotto che cercano o ai dipendenti dell’esercizio commerciale quale sia lo scaffale da rifornire. La concretezza in Huawei è davvero centrale, e di questo i clienti non possono che essere soddisfatti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php