Hp si occuperà del supporto su Red Hat

Come Ibm e Dell, il colosso americano realizza una partnership con Red Hat per offrire supporto e servizi a corredo della distribuzione Linux.

19 marzo 2003. La mancanza di competenze e di servizi di assistenza sono i freni maggiori alla diffusione di Linux in azienda. Sono queste le conclusioni di una ricerca commissionata da Hp che ha intervistato un campione di clienti e prospect Linux. I limiti alla sua diffusione, secondo l'89% degli intervistati, non riguardano la disponibilità e l'affidabilità delle applicazioni e l'efficienza del sistema operativo ma, soprattutto, la mancanza di expertise all'interno delle aziende e di servizi di assistenza dei partner tecnologici.

La ricerca è servita da spunto ad Hp e Red Hat per costruire una partnership che prevede che Hp distribuisca il Linux Red Hat e si occupi direttamente del supporto. In verità il supporto rimbalzerebbe a Red Hat ma il cliente si interfaccerebbe solo con il personale di Hp. L'accordo prevede che la distribuzione Red Hat Enterprise sia veicolata insieme all'offerta dei server midrange a due vie con più di 4 Gb di memoria, dei quattro e degli otto vie con memoria fino a 16 Gb.

I termini economici dell'accordo non sono pubblici, ma è indubbio che Hp sia in grado di generare un discreto business su Linux. Già nel 2002 la casa americana ha venduto hardware, software e servizi legati a Linux per circa 2 miliardi di dollari e le intenzioni sono di raddoppiare questa cifra già nel 2003.

La tendenza comune, già abbracciata da Ibm e Dell, è di affidarsi a una distribuzione sola, nella fattispecie tutti sembrano preferire la Red Hat. Come già detto i termini dell'accordo non sono noti, ma è prevedibile che, a fronte di un modesto ricarico legato alla pura vendita della distribuzione, ci sia spazio per fare dei soldi tra servizi professionali e hardware. Il target più appetibile sembrano essere i data center, i file server dipartimentali e gli uffici remoti. Secondo le (poche) dichiarazioni dei responsabili di Hp, l'accordo non è esclusivo, è possibile che si costruisca qualcosa di simile anche insieme al consorzio UnitedLinux per supplire alle mancanze della distribuzione Red Hat.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome