Home Digitale Google Assistant aumenta la privacy e l’account diventa più sicuro

Google Assistant aumenta la privacy e l’account diventa più sicuro

Nell’ambito dei continui miglioramenti alla sicurezza e alla privacy che la società di Mountain View introduce nelle proprie soluzioni, Google ha illustrato nuove funzioni e nuovi controlli che riguardano Google Assistant e la protezione degli account.

Partiamo dall’assistente virtuale.

Ogni giorno, sottolinea Big G, Google Assistant aiuta le persone a fare cose di ogni genere, ma ci sono anche dei momenti in cui si potrebbe non volere che le interazioni con l’Assistente siano salvate sul proprio account Google.

Per questo motivo Google sta per introdurre la modalità Guest, un nuovo modo di utilizzare l’Assistente Google sui dispositivi smart. Con un semplice comando vocale sarà possibile attivare la modalità Guest e le interazioni con l’assistente virtuale mentre sarai in questa modalità non verranno salvate sul tuo account.

È possibile disattivare la modalità Guest in qualsiasi momento, in modo altrettanto facile, per ripristinare di nuovo l’esperienza completa e personalizzata di Google Assistant. Inoltre, rimane sempre la possibilità di tornare indietro e cancellare ciò che hai detto all’Assistente.

Google ha anche aggiunto ancora più risposte alle domande comuni sulla sicurezza e la privacy a cui l’Assistente risponde immediatamente. A livello globale, fanno sapere da Mountain View, viene data risposta a più di 3 milioni di domande al mese sulla privacy e la sicurezza.

Il Safety Center di Google, il centro per la sicurezza online che rappresenta una fonte unificata d’informazioni per tutte le funzionalità di sicurezza dei prodotti di Big G, è online negli Stati Uniti nella versione rinnovata, che sarà presto disponibile anche a livello globale.

Google Assistant

Presto verrà inoltre introdotto un alert critico ridisegnato e un nuovo modo di distribuirlo.

Quando la piattaforma rileva un grave problema di sicurezza dell’account Google, visualizzerà automaticamente un avviso all’interno dell’applicazione Google che l’utente sta utilizzando e aiuterà a risolverlo, senza bisogno di mettersi a controllare le email o gli avvisi sul telefono.

I nuovi avvisi, assicura la società di Mountain View, sono resistenti allo spoofing, in modo che l’utente possa sempre essere sicuro che provengano da Google. Un roll out limitato inizierà nelle prossime settimane e Google prevede di espandere questa nuova funzionalità in modo più ampio all’inizio del prossimo anno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php